Indietro
menu
In apertura di Consiglio

Gnassi: nuove misure di sostegno nonostante sbilancio già pesante

In foto: il sindaco Gnassi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 9 apr 2020 16:06 ~ ultimo agg. 18:31
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Siamo seriamente preoccupati di non potere più garantire i servizi essenziali ai nostri cittadini”. Lo ha detto il sindaco di Rimini Andrea Gnassi nel suo intervento in apertura della seduta in videoconferenza del Consiglio Comunale di oggi. “I Comuni sono sull’orlo del dissesto, anche se questo sembra non preoccupare molti”, ha detto il sindaco. Una prima proiezione stima uno sbilancio per il Comune di Rimini che oscilla tra i 25 e i 30 milioni di euro. Annunciando comunque l’intenzione di mettere mano ad altri sostegni e a piani straordinari di aiuto al commercio e ai negozi di vicinato e a misure specifiche come un taglio della Cosap sul quale ci sarà un confronto nei prossimi giorni. Oltre al già citato forum strategico per la ripartenza, Gnassi propone di istituire un gruppo interforze in consiglio comunale per definire proposte a favore di imprese e cittadini per presentarle alla Giunta e quindi alla Regione e agli Enti superiori per i finanziamenti.

“Ogni generazione ha la sua guerra da combattere. Questa, cominciata in Emilia Romagna e a Rimini circa 40 giorni fa, è la guerra della nostra generazione”, ha esordito Gnassi ricordando poi come le misure più restrittive adottate nel territorio riminese abbiano portato risultati, in primis l’alleggerimento del’enorme carico sugli ospedali. Ma anche come ci sia tanto ancora da fare: “Stringiamo i denti nel presente per essere pronti alla ripartenza”.

Notizie correlate
di Andrea Polazzi