Indietro
menu
speciale tutta salute

Coronavirus: lockdown e guerra delle mascherine. Mignani: "noi farmacisti cornuti e mazziati"

In foto: Giulio Mignani a tutta salute
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 15 apr 2020 18:27 ~ ultimo agg. 16 apr 12:15
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Anche stasera alle 20:35 sul canale 91, a “Tutta salute” puntata speciale dedicata al coronavirus “dal lockdown all’emergenza mascherine”.

Collegati con Lucia Renati il dottor Walter Pasini, epidemiologo esperto di travel medicine e global health con il quale si è commentata la sperimentazione del farmaco anticoagulante in sperimentazione (eparina) per curare il virus, e il presidente dell’ordine dei farmacisti di Rimini Giulio Mignani con il quale si è cercato di fare chiarezza sulla questione mascherine e costi troppo elevati. 

L’incertezza è ancora elevata ed ogni nuovo dato disponibile è importante per comprendere la dinamica dell’epidemia e la sua possibile evoluzione futura. Ecco perché è importante mantenere le restrizioni, dicono gli scienziati.  Aspettando il vaccino, l’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) ha autorizzato l’avvio di uno studio sull’eparina, un farmaco anticoagulante. Lo studio sarà coordinato dall’infettivologo Pierluigi Viale, primario di Malattie Infettive al Policlinico Sant’Orsola, e coinvolgerà 14 centri italiani tra cui l’Unità operativa complessa Malattie infettive dell’Infermi Rimini. Coinvolgerà 300 pazienti Covid-19. Che caratteristiche ha questo farmaco e cosa significa che potrebbe “ingannare” il virus?

Sempre aperti e in prima linea dall’inizio dell’emergenza. Sono le farmacie e i farmacisti. Sono gli avamposti degli ospedali sul territorio, fanno fronte alla fatica quotidiana di dover mettere in atto tutte le misure idonee a preservare la propria integrità fisica e quelle dei cittadini che si rivolgono alla farmacia per essere assistiti, consigliati e confortati. Com’è la situazione? Cosa manca ancora dopo settimane?

Dopo settimane passate a garantire un servizio pubblico sono stati additati come speculatori. Sui social network si è scatenata una campagna di insulti rivolti ai farmacisti, “colpevoli” di vendere mascherine a un prezzo molto alto.

Guarda la puntata del 15 aprile:

Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO