Indietro
menu
Tabaccai chiusi

Cassa integrazione. Commercialisti: troppa burocrazia e problema marche da bollo

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 2 apr 2020 12:38 ~ ultimo agg. 17:03
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Migliaia di accessi concentrati in poco tempo e la mano di qualche hacker hanno mandato in tilt ieri il portale dell’Inps. Proprio nel giorno dell’avvio delle richieste per il bonus da 600 euro previsto dal Cura Italia. Tante anche le domande inoltrate per l’accesso alla Cassa Integrazione. Cinzia Brunazzo, consigliera e tesoriera dell’ordine dei commercialisti riminesi, esprime alcune perplessità e commenta la situazione. Dubbi anche sulla Cassa Integrazione. “Sarebbe stato meglio un ammortizzatore generale, univoco e senza tanta burocrazia.” E poi c’è il problema marche da bollo: “nel riminese i tabaccai sono chiusi ed è più difficile trovarle – dice – esiste la possibilità di averli in via virtuale ma se uno studio, visto che solitamente non serviva, non è pronto allora i tempi si allungano.” Difficile, secondo la Brunazzo, che si possa rispettare l’input dato dal Governo di liquidare la cig entro il 15 aprile.

Proprio ieri  il Consigliere nazionale dei commercialisti, delegato all’area lavoro, Roberto Cunsolo, aveva spiegato che l’ordine aveva chiesto, con un emendamento al “Cura Italia”, di poter affiancare patronati e soggetti beneficiari nelle operazioni di invio delle richieste per il bonus da 600 euro. Una modalità che avrebbe permesso di effettuare un invio massivo e non singolo e che avrebbe ridotto il numero di accessi al sito dell’Inps. Una richiesta che non è stata accettata.

Il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico ha comunque rassicurato gli utenti dicendo che non si terrà conto dell’ordine cronologico delle domande e che si potranno pagare le prestazioni a tutti gli aventi diritto.

Dal 2 aprile l’accesso ai servizi telematici dell’Inps è contingentato in base ai seguenti orari giornalieri: dalle ore 8 alle ore 16 i servizi saranno disponibili per Patronati e Intermediari abilitati, che potranno operare secondo le consuete modalità di accesso; dalle ore 16 alle ore 8 i servizi saranno disponibili per i cittadini, che potranno operare utilizzando le credenziali di accesso attualmente disponibili.

Notizie correlate
di Redazione