Indietro
menu
Balneazione

San Giuliano mare, sarà rimossa la scogliera a "L"

In foto: la baia di San Giuliano
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 4 mar 2020 16:45 ~ ultimo agg. 17:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ stato approvato dalla Giunta di Rimini l’intervento per la difesa della costa e della balneazione delle acque di San Giuliano mare. Il progetto esecutivo-definitivo ha lo scopo di migliorare la circolazione delle acque e rendere più profondi i fondali. Prevista la rimozione della scogliera a “L” oggi presente nel tratto di litorale di San Giuliano tra la foce del deviatore Marecchia ed il porto turistico di Rimini. La scogliera nel corso degli anni ha inciso sulla conformazione della spiaggia, determinando fondali bassi e favorendo la formazione di una zona di accumulo di materiale sabbiosi, trasportati a mare dalle piene del deviatore Marecchia, che ha ostacolato il naturale ricircolo idrodinamico nel tratto dedicato alla balneazione.
Con la rimozione della scogliera migliorerà la circolazione delle acque nella baia. Gli scogli rimossi saranno utilizzati per il consolidamento del paramento lato mare del pennello perpendicolare al molo di levante della darsena. Oltre ad intervenire sulla scogliera, sarà effettuata una nuova sagomatura del fondale alla foce del Deviatore Marecchia dove si verifica un naturale deposito di materiali ghiaiosi, in maniera da attivare una circolazione idrodinamica in grado di favorire la rimozione e dispersione dei sedimenti più piccoli presenti nella baia. In accordo con la Regione Emilia Romagna, nei due anni successivi alla conclusione dell’intervento, sarà attivato un sistema di monitoraggio della linea di riva nella baia e del fondale per verificare il raggiungimento degli obiettivi. L’importo totale dell’opera, inserita nel programma triennale dei lavori pubblici 2020 – 2022, è di 250.000 euro.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Lucia Renati   
di Redazione