Indietro
menu
In piazza Malatesta e al castello

Da marzo ad aprile. Cambiano le date di Giardini d'Autore

In foto: giardini d'autore
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 5 mar 2020 16:25
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Stessi spazi, stessi espositori, stesso programma ma nuove date per l’edizione di Primavera di Giardini d’Autore.  A causa dell’emergenza coronavirus Castel Sismondo e Piazza Malatesta fioriranno non dal 20 al 22 marzo ma dal 17 al 19 aprile.

Per un evento come Giardini d’Autore, che pur svolgendosi in prevalenza all’aperto conta su una media di 14.000 ingressi ad ogni edizione, risulterebbe impossibile contingentare gli ingressi per garantire il rispetto delle norme sull’affollamento. previste dal dpcm.

La sicurezza e la salute pubblica vengono prima di qualsiasi interesse, per questo motivo abbiamo scelto di interpretare nella maniera più cautelativa possibile il decreto del Governo di ieri– spiega Silvia Montanari, curatrice di Giardini d’Autore-, ma allo stesso tempo siamo consapevoli e orgogliosi dell’importanza che gli eventi in generale, e quelli dedicati al vivaismo nel nostro caso specifico, ricoprono per il tessuto economico e sociale di questo Paese: per questo motivo abbiamo deciso di calendarizzare questa edizione di primavera di Giardini d’Autore nella prima data disponibile una volta concluse le misure di prevenzione, escludendo ovviamente il weekend di Pasqua”.

Un evento come Giardini d’Autore, oltre a essere una festa dedicata alla bellezza, alla natura e al verde e oramai un appuntamento fisso in città, crea opportunità lavorative per oltre 300 persone tra 100 aziende espositrici, fornitori e staff, e muove su tutta la città di Rimini un indotto davvero importante tra alberghi, ristoranti e attività commerciali coinvolte, come è normale che sia per una manifestazione con questi numeri. Ecco perché- conclude- avvertiamo come un dovere civico la necessità di impegnarci il più possibile per garantire il ritorno alla normalità quando sarà terminata l’emergenza, e anzi vogliamo offrire alla città, ai suoi abitanti e ai suoi ospiti una edizione ancora più ricca: come insegnava Pablo Neruda, niente può fermare la primavera”.

Notizie correlate
di Redazione