Indietro
menu
Due locali "sgarrano"

A Riccione l'assessore richiama i ragazzi: insieme ma via smartphone

In foto: l'assessore Caldari
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 9 mar 2020 15:40 ~ ultimo agg. 15:56
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Anche Riccione domenica ha presentato immagini poco compatibili con un’area “a contenimento rafforzato”. Con un videomessaggio realizzato da casa, l’assessore allo Sport e Turismo del Comune di Riccione Stefano Caldari richiama i giovani riccionesi a un maggiore rispetto delle disposizioni, come forma di responsabilità verso le persone più fragili.

👉🏻 Ragazzi ora tocca a voi!

👉🏻 Ragazzi, e sto parlando a voi più giovani, ascoltatemi un attimo, è il momento di fare la vostra parte.

Pubblicato da Stefano Caldari – Assessore – Comune di Riccione su Lunedì 9 marzo 2020

Domenica sera dalle 18.30 alle 20.30 il sindaco Tosi con agenti della polizia Locale di Riccione ha girato tutta la città per verificare il rispetto delle direttive del decreto ministeriale soprattutto circa gli assembramenti di persone e le chiusure dei locali pubblici. Due i locali ancora aperti dopo le 18 che si sono però subito adeguati. I controlli da parte della polizia locale proseguiranno anche nei giorni prossimi.

Il sindaco di Riccione, Renata Tosi e tutta la giunta del Comune di Riccione ringraziano i sanitari, i medici di base e ospedalieri, gli infermieri, gli operatori del 118 per il lavoro svolto con abnegazione e spirito di sacrificio. “Il mio ringraziamento più sentito e profondo va a tutti i sanitari che in questi giorni stanno lavorando con turni massacranti, con generosità e umanità, con grande spirito di servizio prestando la propria opera ad una comunità che deve essere responsabile – dice il sindaco Tosi – Dobbiamo evitare leggerezze, dobbiamo evitare comportamenti sciocchi. Rispondiamo alla serietà dei sanitari con altrettanta serietà e altrettanto lavoro individuale, rinunciamo un po’ alla nostra libertà per il bene di tutti”

“Vi sono ancora troppe persone che pensano di non dover raccogliere l’invito delle autorità sanitarie e amministrative di stare a casa, ieri Riccione c’era fuori come una delle più belle domeniche primaverile prima di Pasqua – ha concluso il sindaco Tosi – e piange il cuore dover dire di stare a casa. Se fossimo in un anno come tanti le fotografie al mare di ieri sarebbero state il preludio di un’estate bellissima. Se oggi rispettiamo le regole, sarà un’estate migliore di questa primavera”.

Ai nonni l’amministrazione comunale fa gli auguri di “compleanno complessivi e virtuali” evitando la tradizionale letterina recapitata a casa come ogni anno.

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
VIDEO