Indietro
menu
Verso le Regionali

Fratelli d'Italia presenta i candidati e punta a superare Forza Italia

In foto: i quattro candidati di Fratelli d'Italia
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 8 gen 2020 14:44 ~ ultimo agg. 9 gen 10:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il dato delle ultime Europee ha visto Fratelli d’Italia al 6% in Regione e al 5 in provincia di Rimini. L’obiettivo per le Regionali del 26 gennaio è arrivare al 10% (come negli ultimi sondaggi) e diventare, anche in provincia di Rimini, il secondo partito del centrodestra. Dopo la Lega ma davanti a Forza Italia e, molto probabilmente, con un consigliere regionale in caso di vittoria. Questa la premessa del portavoce provinciale Federico Brandi nel giorno della presentazione ufficiale dei quattro candidati per la circoscrizione di Rimini. “Una squadra di professionisti che premia l’esperienza e copre tutto il territorio” spiega. Nel pomeriggio del 17 arriverà a Rimini anche Giorgia Meloni.

Il capolista è Gioenzo Renzi, attuale consigliere comunale a Rimini. La sua prima campagna elettorale è datata 1985. Recupero delle identità minacciate, no allo ius soli, sostegno alla famiglia naturale e all’occupazione sono tra le priorità del suo programma. Per quanto riguarda l’occupazione Renzi evidenzia come la provincia di Rimini sia in coda in Regione (disoccupazione all’8,2%) e suggerisce la diminuzione delle tasse e della spesa pubblica (che in Emilia Romagna, dice, è di 12 miliardi) per trovare le risorse per sostenere lavoro e imprese. C’è poi il tema dell’accessibilità dei centri storici e della sicurezza. Su quest’ultimo aspetto, Renzi si chiede che fine abbia fatto il patto sulla sicurezza e manifesta le sue perplessità sulla sede provvisoria per la polizia in piazzale Bornaccini per via anche di un affitto troppo alto (600mila euro l’anno). Meglio sarebbe stato, spiega, continuare a puntare sulla soluzione di via Ugo Bassi.

Nel poker dei candidati c’è il ritorno di Pasquale Barone, già consigliere comunale a Rimini per AN, e attualmente ispettore di polizia municipale a Bellaria Igea Marina. “Finalmente abbiamo ritrovato un movimento che può andare a coprire quella parte della destra che era mancata per diversi anni. Sono contento di essere tornato in campo.

Le due donne in corsa sono Beatriz Colombo e l’avvocato Nicoletta Gagliani. Ad animare la prima è “uno spirito di servizio”. Tra le varie proposte del suo programma c’è la valorizzazione del turismo balneare col sostegno anche alla candidatura della spiaggia a patrimonio immateriale dell’Unesco, la creazione di un corpo di polizia turistica, l’apertura di un casello automatico della A14 a Misano e poi ancora i trasporti ferroviari gratuiti in Regione per  malati oncologici, disabili e over 75 per motivi sanitari.

Per Nicoletta Gagliani quella delle Regionali è la prima esperienza di politica attiva anche se il padre (scomparso in un incidente) era stato esponente del MSI prima e di An poi. “Mi sento vicina alla Meloni è ho pensato di poter dare un contributo” spiega. Donne e minori vittime di violenza domestica è il punto principale del suo impegno: “l’obiettivo è accompagnare queste famiglie  dal momento dell’emersione a quello della definizione della loro situazione famigliare.”