Indietro
menu
Tutti presenti. O quasi

Inaugurato il Metromare. E già si pensa alle prossime tappe

In foto: il taglio del nastro (Newsrimini.it)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 23 nov 2019 14:47 ~ ultimo agg. 24 nov 16:34
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 3.121
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ stato inaugurato ufficialmente questa mattina a Riccione, dopo la preview di giovedì dedicata a studenti e stampa, il Metromare. Alla presenza del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, del presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, della Provincia Riziero Santi, di numerose autorità e di gran parte dei sindaci del territorio, alle 13.40 è avvenuto il taglio del nastro, con la benedizione di don Alessio Alasia. Amministratori e stampa sono poi saliti sul mezzo (oggi provvisorio) che li ha accompagnati all’altro capolinea, quello della stazione di Rimini, per gli interventi istituzionali.

E già si pensa ad ampliare il collegamento. Nei prossimi giorni verrà siglato un protocollo d’intesa tra Regione, Provincia e i comuni interessati, per garantire il proseguimento del Metromare da Riccione a Cattolica. Misano Adriatico e Cattolica, Oggi non servite dall’alta velocità, potranno rendere le loro stazioni degli hub intermodali. Il secondo tratto del Metromare raggiungerà la Fiera di Rimini, ma da lì dovrà proseguire verso la Stazione di Santarcangelo, come porta d’accesso della Valmarecchia.

“Una comunità che oggi si dota di un’infrastruttura importante”, ha detto il ministro che ha assicurato impegno per la prosecuzione dell’opera ma anche per le opere previste alla stazione di Rimini.

L’intervista al Ministro:

All’appello mancava il sindaco di Riccione, Renata Tosi.  Per l’amministrazione comunale di Riccione c’era il presidente del consiglio comunale Gabriele Galassi, senza la fascia tricolore. Un’assenza, quella del primo cittadino di Riccione, che il presidente Bonaccini ai microfoni di tv e radio ha bollato come “maleducazione istituzionale” spiegando che chi governa lo fa per tutti e non solo per la sua parte politica. Concetto ribadito nell’intervento sul palco.

 L’intervista a Bonaccini:

Per il sindaco Gnassi, i vent’anni di polemiche legate all’opera sono stati seppelliti dalle parole dei bambini che solo saliti sul Metromare giovedì. Anche il sindaco di Rimini ha parlato dell’opera nella prospettiva degli sviluppi futuri.

Un passaggio dell’intervento del sindaco Gnassi:


Dalle 15.30 di oggi, sabato 23 novembre, e fino a domenica sera, il Metromare sarà a disposizione gratuitamente di tutti coloro che vorranno provarne l’efficacia e le modalità di utilizzo, gli accessi alle stazioni e i parcheggi per avvicinarsi ad utilizzarlo lungo le 15 stazioni intermedie. Poi da lunedì mattina, con la prima corsa da Rimini alle 7.04 e da Riccione alle 7.10, semaforo verde per la normale operatività, con corse ogni 20 minuti. L’ultima da Rimini alle 20.44 e da Riccione alle 21.10. Lungo il tragitto e nelle stazioni, 98 telecamere monitorate dalla sala controllo.

L’utilizzo del Metromare è assimilato a quello dei bus della rete del trasporto pubblico: per il percorso completo fra Rimini e Riccione il costo è di 2,10 € e vale 75 minuti; se il viaggio è limitato all’interno dei comuni di Rimini o Riccione il costo è rispettivamente di 1,50 € (75 minuti) o di 1,30 € (60 minuti). I biglietti si potranno anche acquistare dal conducente a bordo, con un sovrapprezzo, dotandosi di monete o banconote di piccolo taglio. Si possono fare acquisti online con le app dedicate: Drop Ticket, My Cicero, Muver, Roger.

Le informazioni.