Indietro
menu
I centri dell'innovazione

Cos'è un Tecnopolo?


Contenuto Sponsorizzato
In foto: il Tecnopolo di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 29 ott 2019 12:40 ~ ultimo agg. 30 ott 14:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si parla spesso del Tecnopolo di Rimini, ma cos’è realmente un Tecnopolo?

Presto detto, il Tecnopolo è un edificio specificatamente destinato ad accogliere in maniera selettiva attività ad alta tecnologia. Il termine fu coniato da Allen J. Scott nel 1990 per descrivere le regioni della California meridionale che mostravano una rapida crescita in campi ad alta tecnologia. Questo termine ha uno scopo più ampio di descrivere le regioni del mondo dedicate all’innovazione tecnologica. I tecnopoli possono essere sviluppati dal settore privato o dalla cooperazione o partenariato tra il settore pubblico e il settore privato.

Quello di Rimini, fortemente voluto dalla Regione Emilia-Romagna e gestito da Uni.Rimini SpA, è incentrato su direttive ben specifiche: lo studio e l’utilizzo di tecnologie pulite, di fonti energetiche rinnovabili, di nuovi materiali, e dell’economia circolare.

Ma non solo. Uno dei punti di forza della rete alta tecnologia regionale è il networking tra le strutture della rete stessa, ed è reso possibile dalle frequenti relazioni e da un sistema informativo in tempo reale, per cui un esigenza non coperta a Rimini, può essere soddisfatta rapidamente in un altra struttura.  I tecnopoli sono dunque dei centri tecnologici specificatamente costruiti attorno agli istituti accademici e di ricerca dove si sviluppa l’innovazione del futuro.

La forza di queste strutture si basa fondamentalmente sull’esistenza di quattro fattori. Innanzitutto, una massa critica di strutture di ricerca e sviluppo che svolgono attività di innovazione.

In secondo luogo, la vicinanza spaziale immediata alle istituzioni universitarie che è elemento essenziale per collegare la ricerca all’istruzione.

Il terzo criterio è la presenza di società competenti come fonte di domanda per le competenze di R & S e “utenti” del know-how generato al Tecnopolo sul mercato. Infine, deve esserci un interesse sufficiente a fornire investimenti o per accedere bandi pubblici, per consentire start-up e spin-off orientati alla tecnologia.

A Rimini il Tecnopolo si trova in via Dario Campana 71, nell’area precedentemente occupata dall’ex macello. Per informazioni è possibile telefonare al numero 0541-21847

www.tecnopolorimini.it

I nostri articoli sul Tecnopolo

Notizie correlate
di Andrea Polazzi