Indietro
domenica 12 luglio 2020
menu
Giornate Europee Patrimonio

Salvataggio e recupero delle opere d'arte. Un incontro a Montegridolfo

In foto: dalla locandina
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
ven 20 set 2019 12:36 ~ ultimo agg. 13:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

In occasione del 75° Anniversario della Liberazione di Montegridolfo e quale evento collaterale all’esposizione “Una luce sulla storia. Un inedito San Sebastiano del Seicento racconta la guerra e le distruzioni del patrimonio culturale e artistico”, l’Amministrazione Comunale con la collaborazione del Museo della Linea dei Goti e il Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale, ha organizzato un momento di riflessione sui rischi conservativi a cui è sottoposto il patrimonio identitario di una comunità in caso di guerra, emergenze naturali o a causa di furti.

Sabato 21 settembre alle ore 16 presso la Sala dell’agrumaia di Palazzo Viviani – Castello di Montegridolfo Spa e Resort in via Roma 38, si celebreranno a Montegridolfo le Giornate del Patrimonio Europeo 2019 con un incontro dal titolo: La tutela delle opere d’arte, salvataggio e recupero.

L’evento si tiene in occasione delle Giornate Europeee del Patrimonio promosse dal 1991 dalla Commissione Europea con l’intento di potenziare e favorire il dialogo nonché lo scambio culturale tra le Nazioni europee.

La presentazione dell’incontro:

Partendo dall’eroica esperienza di Pasquale Rotondi che durante la Seconda Guerra Mondiale ha salvato un eccezionale numero di capolavori, si giungerà ai giorno nostri attraverso il racconto dell’attività investigativa e di prevenzione dei Carabinieri.

Con l’autorevolezza dello storico dell’arte Daniele Diotallevi (già funzionario della Soprintendenza di Urbino nonché direttore del Museo della Linea dei Goti di Montegridolfo) verrà narrata la storia di “Pasquale Rotondi: un Soprintendente in guerra”. Fino a pochi anni fa ben poco si sapeva del salvataggio delle opere d’arte della Galleria Nazionale di Urbino e questa vicenda era conosciuta solo da alcuni addetti ai lavori. Pasquale Rotondi -Soprintendente di Urbino dal 1939- durante il conflitto bellico ebbe l’idea di portare in salvo dalle distruzioni e dalle razzie naziste, i capolavori urbinati nella Rocca di Sassocorvaro e nel Palazzo di Carpegna. L’audace operazione condotta nel massimo della segretezza, vide nel suo complesso raccolte oltre 10.000 opere d’arte provenienti soprattutto dalle Marche, ma anche da Venezia, Milano, Roma, etc.. A Pasquale Rotondi è dedicato un premio che ogni anno viene assegnato a chi si è distinto per “esemplari azioni di salvataggio del patrimonio artistico”.

Al maggiore Giuseppe De Gori (Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale), toccherà poi il compito d’illustrare “le indagini e il recupero delle opere d’arte” che l’hanno visto in prima persona protagonista dei più importanti ritrovamenti degli ultimi anni in Emilia-Romagna, con una particolare attenzione all’opera di prevenzione che i Carabinieri svolgono per sensibilizzare l’opinione pubblica, attraverso la relazione: “Attività del Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale nella prevenzione e repressione del traffico illecito di beni culturali – I Caschi Blu della cultura”.  Le origini del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio culturale risalgono al 1969, in considerazione del rischio che il più grande patrimonio artistico mondiale avrebbe potuto correre se non ci fosse stato un intervento per fronteggiare i furti. In 50 anni di attività oltre a recuperare alcuni celebri capolavori rubati, l’azione del Carabinieri è valsa anche per impedire il traffico illecito di opere d’arte, il salvataggio e il presidio durante le emergenze naturali, l’individuazione di falsi, la costituzione della banca dati sulle opere d’arte con circa 6 milioni di beni censiti e non da ultimo, l’attività formativa per le scuole.

Al termine seguirà una visita guidata al Museo della Linea dei Goti, dove è attualmente esposto il San Sebastiano artefice dell’evento.

http://www.beniculturali.it/mibac/export/MiBAC/sito-MiBAC/Contenuti/MibacUnif/Eventi/visualizza_asset.html_635746687.html

Evento: Giornate Europee del Patrimonio 2019,

convegno La tutela delle opere d’arte, salvataggio e recupero,

relazioni del dott. Daniele Diotallevi e del magg. Giuseppe de Gori.

Luogo: Sala dell’agrumaia di Palazzo Viviani Castello di Montegridolfo Spa e Resort,

Altre notizie
Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna