mercoledì 19 giugno 2019
menu
In foto: la copertina del libro
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 23 mag 2019 11:52
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Ultimo appuntamento del ciclo primaverile “I Maestri e il Tempo”. La chiusura domani, alle 17,30, nel Salone di Palazzo Buonadrata in Corso d’Augusto, dove lo storico dell’arte Pier Giorgio Pasini, massimo conoscitore delle vicende figurative e culturali della Romagna, di Rimini e di San Marino, presenterà il suo ultimo volume.

Tanti dei suoi scritti sono dedicati allo studio e all’interpretazione della civiltà malatestiana e, in particolar modo, del Tempio, molti dei quali rari e sparsi in atti di convegni, in cataloghi di mostre e in riviste di cultura. Scritti ormai introvabili che, in occasione del suo 80° compleanno, sono stati raccolti in “Tempus Loquendi, tempus Tacendi” Riflessioni sul Tempio Malatestiano 1969-2017, edito da Minerva.

Un titolo – spiega Pier Giorgio Pasini – che deriva da una “massima” tratta da un libro sapienziale della Bibbia, che Leon Battista Alberti avrebbe voluto far scolpire un po’ ovunque nel Tempio, secondo lui “ispiratore di filosofica saggezza”. I dieci saggi raccolti nel libro toccano vari aspetti: il rapporto fra Sigismondo e Leon Battista Alberti, la presenza nel Tempio di Piero della Francesca, Matteo de’ Pasti e Agostino di Duccio, il significato e la cronologia dell’edificio, le sue origini e le sue vicende, la cultura di corte di Sigismondo. Riflessioni che finiscono con l’evidenziare le incertezze e le contraddizioni dell’ambizioso e prepotente signore riminese. Una raccolta – conclude Pasini – che aiuta a guardare e a comprendere meglio il Tempio”.

Con la presentazione del volume di Pasini, si chiude il fortunato ciclo di sei appuntamenti che ha visto la collaborazione con la Biblioteca Gambalunga di Rimini, in occasione dei festeggiamenti del suo 400esimo anniversario.

Siamo molto soddisfatti per il successo di questa edizione de “I Maestri e il Tempo” – commenta Linda Gemmani, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini -. La folta partecipazione ad ogni appuntamento e l’alto livello degli interventi confermano il valore di una rassegna ben radicata sul territorio”.

Notizie correlate
di Lamberto Abbati   
VIDEO
di Redazione   
di Maurizio Ceccarini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna