lunedì 23 settembre 2019
menu
In foto: Vadim Piccione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mar 12 mar 2019 10:20 ~ ultimo agg. 12:31
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Il Gip di Rimini Benedetta Vitolo ha accolto la richiesta di opposizione all’archiviazione e disposto nuove indagini sulla morte di Vadim Piccione. Lo riporta la stampa locale. Il corpo senza vita del giovane, 22 anni, fu ripescato l’8 luglio del 2012 dal torrente Marano a Riccione. Vadim aveva trascorso la Notte Rosa nella Perla Verde con gli amici ma, ad un certo punto, si erano persi di vista e il gruppo aveva fatto ritorno a casa senza di lui. Il padre Giuseppe, anche alla luce delle perizie di parte, non ha mai accettato l’ipotesi che Vadim sia caduto e poi affogato. Il Gip ha disposto ora ulteriori accertamenti sulle cause della morte. Dagli esami era emerso che il 22enne aveva bevuto ma non assunto droghe. Saranno anche sentiti come testimoni gli amici del 22enne e i loro genitori. Non sono stati chiariti infatti i contatti telefonici che gli amici ebbero con i propri famigliari.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Icaro Sport   
di Simona Mulazzani   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna