martedì 25 giugno 2019
menu
In foto: Una delle vie teatro dell'attentato
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti Visualizzazioni 1.174 visite
mer 12 dic 2018 00:42 ~ ultimo agg. 13 dic 08:21
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min Visualizzazioni 1.174
Print Friendly, PDF & Email

L’attentato di Strasburgo, in Francia, in cui sono morte tre persone e altre 16 sono rimaste ferite (tra le quali un giornalista radiofonico italiano, gravissimo), per fortuna l’ha solo sfiorato. Marco Affronte, eurodeputato riminese, martedì sera si trovava proprio lì, a poche centinaia di metri da piazza Kléber, proprio nelle zona in cui è avvenuta la sparatoria. Ha sentito gli spari, ha visto la gente fuggire come impazzita e poi due corpi a terra. Ha vissuto la paura e l’orrore dell’ennesimo atto terroristico che colpisce al cuore l’Europa.

E’ lo stesso Affronte a raccontare attraverso un post pubblicato sulla sua pagina Facebook quegli attimi concitati che difficilmente dimenticherà: “Erano circa le 20, poco più, e stavo tornando a piedi all’hotel – scrive l’eurodeputato -. Mi trovavo fra Place Kleber e la cattedrale quando ho sentito 6/7 colpi ravvicinati (ho capito dopo che fossero spari). Ho visto gente gridare, e scappare, e ho accelerato il passo. Senza volerlo però sono andato proprio nella direzione dove stavano accadendo i fatti. Ho visto due persone a terra, sembravano completamente immobili. C’erano piccoli capannelli di persone attorno. Più avanti la polizia ci ha bloccato il passo e costretti a restare in un androne. Mi sono trovato con una giovane coppia, e assieme abbiamo deciso di suonare per cercare un miglior riparo. Ci hanno fatto entrare nel cortile, poi in casa. I ragazzi erano davvero molto scossi, e hanno pianto parecchio. Abbiamo solo aspettato, cercando notizie e sperando che là fuori meno persone possibili stessero soffrendo. Pochi minuti fa sono riuscito a rientrare. Andiamo tutti a dormire col cuore più pesante”.

Il killer, identificato dagli inquirenti, è un 29enne di origini nordafricane ma nato proprio a Strasburgo. Era segnalato come elemento ‘radicalizzato’ e come minaccia per la sicurezza nazionale. Le forze di polizia sono sulle sue tracce. Avrebbe agito con un complice.
A Strasburgo questa è la settimana più affollata, quella che oltre ai turisti vede arrivare in città tutto il personale del Parlamento europeo per la plenaria mensile.

 

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Lucia Renati   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna