domenica 16 dicembre 2018
di Andrea Polazzi   
lettura: 2 minuti
ven 7 dic 2018 11:48 ~ ultimo agg. 8 dic 10:26
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

E’ durata poco più di un’ora l’ultima seduta del consiglio comunale di Rimini. Terminate le interrogazioni, la minoranza ha chiesto di fare l’appello ed è uscita poi dall’aula e la maggioranza da sola non è stata in grado di garantire il numero legale. Si trattava tra l’altro di un consiglio importante dove era prevista la presentazione del bilancio di previsione. A mancare tra i banchi del Pd erano quattro consiglieri: Giovanni Casadei, Juri Magrini, Barbara Di Natale e Fabio Grassi. Quattro nomi che fanno parte dell’area orlandiana del partito. Un’assenza da alcuni imputata ai mal di pancia scaturiti dall’ultima assemblea del partito che ha visto l’elezione di Filippo Sacchetti come nuovo segretario ma con l’uscita, al momento del voto, proprio degli esponenti orlandiani (e anche dei segretari Pd di Cattolica e San Giovanni in Marignano).

Ai microfoni di Tempo Reale (Icaro) il segretario comunale del Pd Alberto Vanni Lazzari nega la premeditazione. “Sono sicuro che c’è stato solo un incoveniente, nessuna sottotraccia politica – dice – escludo che siano immaginabili mezzi di questo tipo. La politica si fa con ben altre azioni, si fa col confronto.

Voglio credere alle parole di Vanni Lazzari – commenta sempre ai microfoni di Tempo Reale (Icaro) il capogruppo del Pd Enrico Piccari evidentemente i quattro esponenti che fanno capo alla consigliera regionale Petitti hanno avuto la sfortuna di mancare tutti quanti assieme. Qualcuno, come la Di Natale e Grassi, aveva avvisato mentre ieri sera con Casadei e Magrini non sono riuscito a mettermi in contatto al telefono. Dopo l’assemblea avevo scommesso che sarebbe accaduto qualcosa di simile ma prendo per buono quello che ha detto Vanni Lazzari e quindi mi sono sbagliato. Confido quindi che approveremo serenamente il bilancio.

Dal consigliere Casadei arriva una precisazione: “La verità inconfutabile è che io ho regolarmente avvisato la presidenza del consiglio della mia assenza il giorno 5 dicembre, e subito dopo (ore 9:17 del 5 dicembre) ho inviato un messaggio sul gruppo whatsapp del gruppo consiliare PD per avvisare tutti. Voglio imputare l’errore a semplice distrazione del capogruppo“.

Da parte sua la minoranza sta alla finestra e osserva gli scricchiolii della maggioranza. “Il Pd sta implodendo – commenta il consigliere di Rinascita Civica Mario Erbettae ieri è stata una prova di forza da parte della minoranza PD. Si parlava di Bilancio e mancare alla seduta è un atto politico importante, una rappresaglia dopo l’elezione del nuovo segretario provinciale. Se il bilancio non si approva cadono Giunta e consiglio e tutti a casa“.

Notizie correlate
Fuori dall'Aula

Fuori dall'Aula

di Andrea Polazzi
VIDEO
di Andrea Polazzi
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna