mercoledì 24 aprile 2019
Perché gioire

Gioia e sorpresa

In foto: archivio
di Andrea Turchini   
lettura: 2 minuti
lun 24 dic 2018 09:01 ~ ultimo agg. 09:03
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

“Vi annuncio una grande gioia che sarà di tutto il popolo” (Lc 2,10)
Ma cosa c’è da gioire potrebbe domandarsi qualcuno?
In questi giorni di fine anno, diversi analisti e commentatori hanno messo in evidenza che, secondo il rapporto Censis, viviamo in un’Italia molto arrabbiata e cattiva. In effetti, guardandosi intorno e ascoltando le persone, si vedono sguardi truci e si condividono pesantezze di cuore. Come possiamo accogliere l’invito alla gioia che il Natale ci porta anche quest’anno?
Questo non è il peggior periodo che la nostra storia ha vissuto! Anche al tempo in cui è nato Gesù le cose non andavano meglio di adesso. Eppure ci sembra di essere più impermeabili alla gioia e che tale invito ci scivoli addosso. Perché?

Molte volte siamo arrabbiati perché le cose non vanno come pensiamo noi! Non è che stiamo male, che ci manchi qualcosa di essenziale, ma vorremmo che le cose fossero diverse e questo ci fa arrabbiare.
A differenza di tanti altri periodi della storia, le ultime generazioni, orgogliose del progresso tecnologico e scientifico che hanno prodotto, hanno maturato la presunzione di avere il potere di far andare le cose così come desiderano, e quando questo non accade, noi non mettiamo in discussione la nostra presunzione, ma ci arrabbiamo molto.
La nostra vita è tutta programmata, con incastri perfetti che non sopportano alcun imprevisto. Ogni imprevisto ci infastidisce e ci fa arrabbiare, perché viene ad interferire con i nostri programmi e schemi, che non possono essere messi in discussione, perché da essi dipende il nostro controllo della realtà.

Ma Dio viene nell’imprevisto e porta gioia. Dio nasce nella storia e la sua nascita è un “fuori programma” che va accolto semplicemente come un dono.
I vangeli ci testimoniano di due atteggiamenti che emergono di fronte a questo annuncio: l’accoglienza e la gioia dei pastori che nella notte si mettono in cammino verso Betlemme e sperimentano una grande gioia; il rifiuto e la rabbia di Erode che interpreta questo annuncio come una minaccia ai suoi progetti e reagisce con violenza.

Natale è la festa della iniziativa di Dio che irrompe nella nostra storia per portare la sua presenza. A noi la possibilità di lasciarci stupire, accogliendo questa sua venuta e sperimentando la gioia che Lui è capace di infondere nelle nostre vite.
L’alternativa è solo quella di Erode.

Ti auguro che questo Natale sia per te una bella sorpresa, quella che Dio è capace di fare in ogni tempo a coloro che lo accolgono rinunciando alla loro pretesa di essere i dominatori del mondo. Allora sarà gioia!

Buon Natale.

Altre notizie
La morte di Lorenzo Orsetti

Martire combattente?

di Andrea Turchini
L'incontro con Pietro Bartolo

Sono persone!

di Andrea Turchini
Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna