venerdì 14 dicembre 2018
di Simona Mulazzani   
lettura: 2 minuti 1.694 visite
dom 7 ott 2018 13:14 ~ ultimo agg. 8 ott 14:06
Print Friendly, PDF & Email
2 min 1.694
Print Friendly, PDF & Email

Sotto l’effetto di alcol insulta e aggredisce i familiari dell’anziana di cui si occupa e all’arrivo degli agenti della Polizia si avventa anche su di loro. Erano circa le 23 di ieri quando una Volante della Questura è intervenuta in un’abitazione in via Gamba a Rimini dove era stata segnalata un’accesa lite.
Una volta sul posto, i poliziotti hanno constatato la presenza di una donna straniera in forte stato di agitazione, che si trovava in strada, proprio di fronte all’ingresso dell’abitazione, mentre inveiva nei confronti delle persone all’interno del giardino.
Gli agenti subito hanno cercato di placare gli animi. Il signore che aveva chiamato la Polizia ha spiegato che la donna era la sostituta della badante, attualmente in ferie, e che da circa due mesi prestava servizio per accudire l’anziana suocera invalida.

Tra i compiti che aveva c’era quello di mettere a letto la donna alle 22. Ieri sera non vedendola rientrare, l’uomo si è occupato dell’anziana e ha atteso la badante, una 44enne, che è rincasata alle 22,30 completamente ubriaca. La donna senza alcun apparente motivo, ha aggredito la figlia dell’anziana signora colpendola con schiaffi e graffiandola sul viso, stracciandole anche i pantaloni. A quel punto, in difesa della moglie, è intervenuto il marito il quale a fatica ha contenuto la badante che gli ha sputato in faccia, ha tentato di colpirlo con il ferro da stiro, provocandogli delle abrasioni agli arti superiori e strappandogli la maglia che indossava. La 44enne è stata, a quel punto, portata fuori casa a lasciata in strada, con tutti i suoi effetti personali e la coppia ha chiamato la Polizia.

Differente la versione della badante che ha raccontato agli agenti di aver lavorato per due mesi  e che ieri sera senza alcun motivo era stata aggredita e sbattuta fuori casa. Era agitata perché tra le sue cose non ritrovava il telefono. Mentre la Volante era sul posto ha rovesciato tutti i suoi oggetti personali in strada, trovando alla fine cellulare e occhiali. Non paga, si è precipitata nuovamente in direzione del cortile di casa sbraitando ed inveendo contro l’uomo, cercando un nuovo pretesto per giungere ad uno scontro fisico.

Gli agenti, a quel punto, hanno cercato di fermarla e lei ha continuato a dimenarsi con violenza, sferrando calci  e provocando lesioni ai poliziotti. E’ stata arrestata per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Domani il processo per direttissima.

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna