Indietro
menu
Economia Rimini

DUP, cala il debito residuo del comune. Brasini: nel 2020 il dimezzamento

In foto: Il Municipio di Rimini
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 4 set 2018 14:01 ~ ultimo agg. 5 set 01:26
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Scende ampiamente sotto quota 100 milioni (92.068.709 di euro per l’esattezza) il debito residuo del comune di Rimini. E’ uno degli elementi contenuti nel DUP (Documento Unico di Programmazione 2019/2021) che ha avuto oggi parere positivo in V commissione consigliare. Il debito nel 2011, anno di insediamento della prima giunta Gnassi, era di 146milioni e in 7 anni ne sono stati estinti circa 54. “Siamo vicini – ha sottolineato l’assessore al Bilancio Gian Luca Brasinial dimezzamento: al 31 dicembre 2020 il debito residuo calerà a 73 milioni di euro”.
Il Documento, chiamato a riepilogare i macro obiettivi che dovranno guidare la predisposizione del bilancio e del Piano economico di gestione, prevede anche il potenziamento della sicurezza di prossimità con l’apertura di due nuovi presidi della Polizia Municipale nelle frazioni di Gaiofana e Santa Giustina. Prevista anche l’implementazione della videosorveglianza.
In tema di lavori pubblici, l’obiettivo è quello di procedere nei primi mesi del 2019 alla pubblicazione del bando per l’appalto dei lavori che consentiranno di decongestionare il traffico sulla via Emilia e in particolare a Santa Giustina. Il tema è quello della nuova circonvallazione e della realizzazione della rotatoria in via Italia. In tema di mobilità, previsti anche la riorganizzazione del sistema della sosta e il potenziamento dell’interscambio tra differenti modalità di trasporto con nuove aree di parcheggio sia per auto che per biciclette, nelle zone a maggior densità urbana.
Tra i punti cardine del prossimo triennio, ha spiegato l’assessore Brasini anche l’innovazione del prodotto turistico che si tradurrà nella valorizzazione dei motori culturali e nel percorso che per la realizzazione del Parco del Mare. “Investimenti – ha detto l’assessore – che comporteranno nuove strategie per la promo-commercializzazione della nostra città”.