giovedì 17 gennaio 2019
di Redazione   
lettura: 2 minuti
mer 21 mar 2018 10:53 ~ ultimo agg. 22 mar 08:23
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Il 21 marzo si celebra la Giornata mondiale sulla sindrome di Down, con l’obiettivo di sostenere l’inclusione e valorizzare la partecipazione alla società delle persone che ne sono affette.

Da alcuni anni il messaggio è cambiato, e quello che si chiede alla società civile è di cambiare prospettiva nei confronti delle persone, ragazzi e ragazze down, in modo che possano partecipare attivamente alla vita della comunità, nei modi e nei tempi a loro più congeniali.

“La realtà si rivela spesso un’altra – si legge nel comunicato inviato ieri da Coordown onlus, il Coordinamento Nazionale Associazioni delle persone con la sindrome di Down – La scuola inclusiva è un mondo tutto da costruire: molti paesi negano o limitano il diritto degli studenti con disabilità a essere educati in scuole o classi regolari e persino l’Italia, pur avendo un quadro normativo tra i più avanzati – dove le scuole speciali sono state abolite da oltre quarant’anni – ha ancora molta strada da fare. Perché la piena inclusione si realizzi servono modifiche strutturali e organizzative, un adeguamento dei programmi, una formazione specifica per insegnanti e dirigenti scolastici, servono genitori che colgano l’importanza di questo processo e ne agevolino lo sviluppo e studenti che imparino a stare in classe con gli altri, anche con chi è diverso da loro.”

Non mancano le iniziative sul territorio, in particolare oggi, al bar Pepper di Riccione dietro il bancone a preparare caffè e portare brioche ci saranno quattro ragazzi down. Un piccolo gesto, certo, per un giorno, ma che può essere il primo passo per sensibilizzare avventori e persone a guardarli con occhi diversi: non solo persone che necessitano un aiuto, ma uomini e donne che desiderano costruirsi la propria vita e la propria indipendenza.

Ecco l’invito dei ragazzi: http://bit.ly/2IEXP0n

 

Sul canale youtube di Coordown da lunedì 19 è pubblicato il video: Lea goes to school, una sorta di libro animato che racconta il primo giorno di scuola di Lea: : la strada che vuole percorrere, anche se
piena di ostacoli, non ha nulla di speciale e comincia esattamente nello stesso punto in cui comincia per tutti gli
altri bambini. Il video evidenzia l’importanza dell’istruzione inclusiva fin dalla prima scolarizzazione e lancia un
messaggio chiarissimo: “Include us from the start”.

 

Questa mattina a Tempo Reale abbiamo intervistato Cristina Codicé, presidente dell’Associazione Centro 21 di Riccione:

Giornata Mondiale Sindrome di Down. I ragazzi del Centro 21 al bar Pepper di Riccione

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna