Indietro
menu
Rimini Rimini Social

Un aiuto per il Dopo di noi: lo sportello dell'Associazione Sergio Zavatta

In foto: Tanti per tutti. Viaggio nel volontariato italiano, (c) Pompilio Borelli
di Silvia Sanchini   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
gio 16 nov 2017 14:03 ~ ultimo agg. 17 nov 15:57
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Affrontare il tema del Dopo di noi significa entrare in un ambito delicato, dove la persona con i suoi sentimenti e speranze assume un ruolo centrale prevalente rispetto al puro tecnicismo giuridico. I desideri così espressi da chi vive la quotidianità di un familiare in difficoltà, rilevano come occorra spostare attenzione e ascolto alle intime e legittime richieste di ciascuno, al fine di offrire dei validi strumenti.

Dall’esperienza dei Cantieri Formativi sul tema del “Dopo di Noi”, idea nata da una proposta del prof. Andrea Canevaro (docente di pedagogia speciale all’Università di Bologna) e dall’impegno dell’associazione Sergio Zavatta onlus, nasce a Rimini lo Sportello sul “Dopo di noi”.

 

L’Associazione Sergio Zavatta Onlus è infatti impegnata da oltre vent’anni in ambito assistenziale e socio-assistenziale con particolare attenzione alle persone in situazione di grave svantaggio fisico, psichico, mentale e relazionale e ai giovani a rischio di emarginazione sociale e devianza. L’intento dell’associazione è quello di promuovere forme solidaristiche di recupero della dignità dell’uomo, fondate sui principi ispiratori del messaggio evangelico, della dottrina sociale e in coerenza con la mission delle Acli.

Lo Sportello è uno spazio libero e gratuito, rivolto a chiunque voglia saperne di più in tema di trust e di tutti gli altri strumenti giuridici rivolti a soggetti deboli. Nasce nella convinzione che una corretta conoscenza dei reali processi e strumenti possa aiutare le famiglie a prefigurarsi un futuro possibile nella prospettiva del “Dopo di Noi” e a muoversi nella direzione di un proprio progetto di vita sostenibile e duraturo.

Accedere allo sportello è molto facile, basta contattare l’Associazione Sergio Zavatta Onlus ai numeri 0541-367106 o 328 1204038 o all’indirizzo e-mail f.lagari@associazionezavatta.org e fissare un appuntamento. Lo sportello è aperto il lunedì pomeriggio presso la sede dell’associazione in via Circonvallazione Occidentale 52 (Rimini).

Mariacristina Fabbri e Simona Arduini, due avvocatesse competenti in materia di trust, amministrazione di sostegno, e altri strumenti giuridici sono a disposizione di tutti coloro interessati a reperire informazioni o chiedere consigli. Accanto a loro Luigia Cannone e Francesco Lagari, psicologi e coordinatori dell’associazione Zavatta.

“Non vogliamo sostituirci ad altri servizi già esistenti o ai professionisti esperti di questo settore – spiega il presidente dell’associazione Sergio Zavatta Vittorio Betti – ma offrire un’opportunità in più alle famiglie e ai cittadini, nel contesto di un’associazione che è da sempre attiva in questo settore, insieme alla Fondazione Enaip”.

Il “Dopo di Noi”, recentemente regolamentato dalla Legge n.112/2016, stabilisce la creazione di un fondo per l’assistenza e il sostegno a persone disabili prive dell’aiuto della famiglia e agevolazioni per privati, enti e associazioni che decidono di stanziare risorse per la loro tutela.

L’obiettivo del provvedimento è garantire la massima autonomia e indipendenza delle persone disabili, consentendo loro per esempio di continuare a vivere nelle proprie case o in appartamenti gestiti da associazioni, evitando in questo modo il ricorso all’istituzionalizzazione.

Proprio da questa consapevolezza e dal lavoro in ambito assistenziale che l’Associazione Sergio Zavatta Onlussvolge in favore delle persone con disabilità sia attraverso interventi diretti con le famiglie che in centri preposti, nasce una nuova idea.

“Questo nostro ventennale lavoro con la disabilità” – anticipa la direttrice dell’associazione Francesca Vitali – ci porta continuamente a confrontarci con il timore e la preoccupazione delle famiglie sul tema del dopo di noi. Per questo abbiamo ritenuto importante offrire un servizio informativo attraverso lo sportello e abbiamo in programma un’altra grande novità: a breve l’attivazione di un appartamento in cui le persone con disabilità possano sperimentare la vita in autonomia nei fine settimana o in particolari momenti dell’anno. Crediamo che sia questa un’importante direzione da percorrere per garantire un futuro dignitoso e sereno a tutti”.

Per saperne di più: http://www.aclirimini.it/sportello-informativo-e-di-ascolto-dopo-di-noi/ e: http://www.associazionezavatta.org/altri-progetti/dopo-di-noi/

 

La puntata di Come se fosse facile dedicata al Dopo di noi

 

foto credits: Pompilio Borelli © Progetto FIAF-CSVnet “Tanti per tutti. Viaggio nel volontariato italiano”

Notizie correlate