Indietro
menu
Lavoro Regione

Regione virtuosa. Il Ministero sblocca assunzioni, nuovi fondi per Turismo e costa

In foto: Emma Petitti
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 19 lug 2016 18:34 ~ ultimo agg. 19:17
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’Emilia-Romagna fra le 4 Regioni italiane, insieme a Lazio, Marche e Veneto, in cui vengono sbloccate le assunzioni. L’annuncio è stato dato dal ministero della Pubblica Amministrazione.

E’ una notizia che auspicavamo da tempo – commenta l’assessore regionale Petitti – è il riconoscimento del lavoro che abbiamo fatto. Abbiamo agito sul fronte della riorganizzazione della macchina regionale e della razionalizzazione della spesa, con forti risparmi che però non hanno inciso sulla qualità dei servizi. E a settembre il Piano di fabbisogno del personale, in grado di rispondere alla questione precarietà, frutto proprio dei tanti anni di prolungato blocco delle assunzioni”.  Nel 2015 nel settore pubblica  amministrazione della Regione sono stati risparmiati 177 milioni di euro (+47% rispetto al 2014 e record negli ultimi dieci anni) grazie a IntercentER, la centrale unica per gli acquisti di beni e servizi della Regione.

E oggi è arrivato in commissione regionale il progetto di legge di assestamento 2016 e la variazione del bilancio per l’esercizio 2016-2018, presentato sempre dall’assessore Petitti. Si tratta di una manovra da 66,8 milioni di euro complessivi, di cui 11 da nuove assegnazioni di risorse aggiuntive regionali.

Grazie a rimodulazioni, riduzioni di spese e nuove assegnazioni per 11 milioni di euro, è stato possibile finanziare ulteriori interventi a partire dai 3 milioni aggiuntivi destinati, nel triennio, al Programma di sviluppo rurale, a manutenzioni e servizi ferroviari per ulteriori 1,7 milioni di euro; 1,75 milioni di euro serviranno per sviluppo e la valorizzazione del turismo e per la riqualificazione delle stazioni sciistiche invernali e del sistema portuale.

2,5 milioni di euro garantiranno le attività e il funzionamento dell’Agenzia regionale per il lavoro mentre 1,3 milioni di euro sono previsti per l’esecuzione di interventi urgenti in materia di difesa del suolo e della costa.

1 milione di euro va ad integrare le risorse destinate alla promozione delle pari opportunità e per il contrasto alle discriminazioni di genere e, infine, 0,5 milioni di euro sono rivolti a contributi per le amministrazioni locali impegnate nel recupero e restauro di immobili di particolare valore storico e culturale.

 

Notizie correlate
di Redazione