Indietro
menu
Attualità Regione

Pokemon go. Asaps: minaccia per sicurezza in strada, Governo intervenga

In foto: l'app
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 25 lug 2016 15:42 ~ ultimo agg. 15:45
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Pokemon Go, il gioco letteralmente esploso a livello mondiale nelle ultime settimane, rappresenta una seria minaccia per la sicurezza stradale. Lo afferma l’Asaps, l’associazione sostenitori della Polstrada con sede a Forlì, che chiede al Governo di intervenire con un provvedimento urgente che prevede sanzioni severe. Il gioco è legato a una app che permette di localizzre i Pokemon “virtuali” da raggiungere.

“La situazione già precaria e debolmente contrastata dell’uso del cellulare alla guida – dichiara il presidente Giordano Biserni – ora rischia di complicarsi ulteriormente con  questa new entry fra gli strumenti distrattivi che catturano la mente. Non entriamo nel merito della logica del sistema in una fase storica in cui si dovrebbe occupare la mente per aspetti più meritevoli, ma chiediamo che sia salvaguardata la sicurezza di tutti sulle strade, il cui argine sta dando preoccupanti segni di cedimento. Sono numerose le segnalazioni da parte delle forze di polizia di comportamenti anomali fra i conducenti e si contano già i primi incidenti Pokèmon/correlati.

Prima che la situazione dilaghi con conseguenze serie e preoccupanti chiediamo ai vertici delle forze di polizia e ai sindaci di intervenire con misure  che intensifichino  i controlli  e al governo con un provvedimento che vieti in modo più severo rispetto alle previsioni dell’art.173 CdS l’utilizzo di questo gioco distrattivo quando si è alla guida,  prevedendo il sequestro del cellulare per almeno un mese ed estensione del divieto di utilizzo della App anche dagli accompagnatori all’interno degli abitacoli dei veicoli, oltre che ai pedoni durante gli attraversamenti  stradali anche sulle strisce. O, quantomeno, di inibire il funzionamento della App in Italia durante guida”.

Notizie correlate
di Redazione