Indietro
menu
Attualità Provincia

Danni da maltempo dal 2013 al 2015, il Governo annuncia prossimo risarcimento

In foto: Immagine Newsrimini.it
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 21 lug 2016 19:23
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

90,6 milioni di danni ad abitazioni principali e seconde case con 3.079 segnalazioni presentate, 78,5 milioni di danni alle attività produttive, con 1.098 segnalazioni. Il totale è di 170milioni. Sono le stime degli effetti delle ripetute ondate di maltempo che hanno colpito l’Emilia Romagna dal 2013 al 2015. Ora per i cittadini arriva quella che l’assessore regionale alla protezione civile Paola Gazzolo definisce “una notizia, un passo concreto per dare risposte certe a chi è stato duramente colpito dalle tante emergenze che hanno interessato il territorio”.

La novità è che il Governo in Conferenza Stato-Regioni ha annunciato una prossima deliberazione del Consiglio dei ministri per individuare le procedure di risarcimento dei danni al patrimonio abitativo e produttivo colpito dalle calamità naturali che si sono succedute da maggio 2013 a marzo 2016, per le quali è stato dichiarato lo stato d’emergenza nazionale. Cinque quelle che interessano l’Emilia-Romagna, con eventi meteorologici eccezionali (nevicate, piogge, mareggiate e allagamenti, trombe d’aria) che hanno colpito l’intero territorio regionale: nel 2013, in marzo e aprile il maltempo ha coinvolto tutte le province, e il 3 maggio l’area bolognese e modenese con due trombe d’aria; dall’ultima decade di dicembre 2013 al 31 marzo 2014 i territori di Bologna, Forlì-Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Rimini; dal 4 al 7 febbraio 2015 tutte le province per nevicate, dissesti e mareggiate; il 13 e 14 ottobre 2014 e il 13 e 14 settembre 2015 le province di Parma e Piacenza.

“L’Emilia-Romagna è tra le Regioni che hanno svolto nei tempi previsti le ricognizioni – aggiunge l’assessore Gazzolo-. Ora attendiamo gli atti definitivi del Governo e del Dipartimento nazionale di Protezione civile per giungere il prima possibile al riconoscimento dei danni”.