Indietro
menu
Economia Provincia

Osservatorio Consumi. Boom delle auto nuove, in calo la spesa per l'elettronica

In foto: le famiglie riminesi non spiccano per acquisti
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 31 gen 2016 09:00 ~ ultimo agg. 1 feb 11:21
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

In una Emilia Romagna che con i suoi 21.873 euro è per reddito procapite dietro solo alla Valle d’Aosta, Rimini spicca sempre tra le province più povere. In base ai dati dell‘osservatorio Findomestic sui consumi, nel 2015 ogni riminese ha avuto mediamente un reddito disponibile di 19.144 euro (peggio in regione fa solo Ferrara) con un lieve aumento sul 2014 (+0,2) ma inferiore rispetto a due anni fa (19.205). Dati che pongono Rimini leggermente al di sopra della media italiana ma decisamente sotto a quella delle realtà del nord-est.

Di positivo c’è che l’economia, almeno in alcuni settori, torna a muoversi. La provincia riminese ha infatti segnato un incremento record nei consumi di beni durevoli (+8,9%) con 2.161 € di esborso a famiglia. Crescita trainata in particolare dal mercato delle auto nuove che col +26,3% è stato quello più dinamico del 2015 in Emilia Romagna. In calo invece la vendita di mezzi usati. In aumento anche i dati del segmento mobili, +2,4% (562 € a famiglia), e di quello degli elettrodomestici, +2,9% (ma con la spesa a famiglia più bassa in regione, 169 €). Seguendo il trend dell’Emilia Romagna, calano invece a Rimini la spesa per l’elettronica di consumo (-9%, 66 € a famiglia di media) e quella per l’Information Technology, vale a dire pc, tablet e software, (-3,7%, ultima con 85 € di spesa per nucleo famigliare).