Indietro
domenica 1 agosto 2021
menu
Eventi Rimini

Quinto 'Amarcort Film Festival': i migliori cortometraggi italiani e stranieri

di    
Tempo di lettura lettura: 5 minuti
mer 31 ott 2012 18:31 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 5 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Tre giorni da film, o meglio da corto, per un festival che ha scelto il cortometraggio come suo protagonista. Insieme a Fellini, principale ispiratore della rassegna. Lo troviamo già nei titoli delle categorie in gara: da Amarcort, la sezione principale, a Gradisca, dedicata ai cortometraggi di durata inferiore ai 4 minuti, a Fulgor, la sezione rivolta agli autori locali, il cui vincitore entrerà di diritto nella finale del Premio Regione Emilia Romagna. Spazio anche alla fotografia con il concorso Paparazzo. I finalisti della quinta edizione sono stati selezionati tra 500 candidati, provenienti non solo dall’Italia.

“Fin dalla prima edizione riceviamo cortometraggi da tutto il mondo – ci ha detto Simona Meriggi, Direttore Artistico di “Amarcort Film Festival” – anzi ci impressiona moltissimo la partecipazione degli stranieri; ci sono addirittura delle scuole di cinema, dalla Spagna e quest’anno anche dalla Germania, che fanno una loro selezione e ci inviano il pacchetto completo dei film scelti, cosa che ci mette in grandissima difficoltà perché non sappiamo mai quale scegliere e quale scartare”.

Nelle tre serate del festival i film saranno proiettati davanti a una giuria di esperti tra i quali gli attori Enzo de Caro e Sergio Forconi. Ma anche il pubblico potrà votare.
E se in pochi minuti si può raccontare una storia, tre giorni possono bastare anche per provare a raccontare una città. Un omaggio anche a Rimini attraverso le iniziative collaterali di “Amarcort”.

“Abbiamo la mostra permanente delle fotografie finaliste – continua Simona – ma abbiamo anche due percorsi culturali all’interno di una Rimini che non vediamo più, grazie alla collaborazione con due associazioni “La Rimini che non c’è più” e “Rimini sparita” che avranno due stand e due plasma dove verranno proiettate le immagini tratte dai loro archivi. In più quest’anno abbiamo la fortuna di poter regalare ai finalisti partecipanti anche una visita alla Domus del Chirurgo e in un museo della città. Un modo di conoscere Rimini non solo per la partecipazione al Festival ma anche per la città stessa”.

LA NOTA STAMPA DELL’EVENTO

“Ciao Carmen”.
Tutto lo staff di Amarcort Film Festival si stringe in un abbraccio per il grave
lutto in famiglia che ha colpito la nostra direttrice; lo spirito della
manifestazione non potrà essere quello degli anni passati, pertanto verranno
cancellate le due date del musical in programma e la festa di chiusura.
La quinta edizione di Amarcort Film Festival però deve andare avanti, mantenendo
invariate le proiezioni, l’esposizione delle foto e le premiazioni.

Giovedì 1° novembre al Teatro degli Atti di Rimini si svolgeranno le serate finali
con proiezioni, mostre, premiazioni, spettacoli.
Ormai dallo scorso anno gli organizzatori, di comune accordo con le istituzioni locali,
hanno deciso di spostare la manifestazione dal periodo estivo a quello autunnale, con
l’intento di far conoscere la città di Rimini nel mondo non solo come meta
turistico/balneare, ma anche come centro culturale sempre più in fermento.
L’edizione 2012 riparte alla grande, confermando quanto già di buono proposto nelle
edizioni precedenti.
Nei primi tre giorni di novembre, al Teatro degli Atti, assisteremo alle proiezioni di
cortometraggi, e alla esposizione di fotografie, in concorso nelle quattro sezioni del
festival:
· Amarcort – sezione principale cortometraggi
· Gradisca – sezione cortometraggi sotto i 4 minuti
· Fulgor – sezione cortometraggi autori locali
· Paparazzo – sezione fotografica con tema “Ritratti Felliniani” e tema libero
A contendersi il premio quest’anno saranno cortometraggi provenienti da Italia,
Francia, Germania, Spagna, Inghilterra, Svizzera e Arabia; alle selezioni hanno
concorso anche registi di altri paesi come Stati Uniti, Giappone, Repubblica Ceca, …
Novità da quest’anno per la sezione “Fulgor”: il corto vincitore di questa sezione
concorrerà di diritto come finalista al “Premio regione Emilia-Romagna” che si
svolgerà all’Ozu Film Festival di Sassuolo (MO).
Non mancheranno inoltre le proiezioni di film fuori concorso.
La scelta dei finalisti è stata come sempre ardua: oltre al sempre crescente numero
di film che giungono da tutto il mondo (circa 500), è cresciuta molto anche la
qualità.
Sempre di più alla bravura ed esperienza dei registi si affiancano attori noti al grande
pubblico. Tutto questo, supportato da una buona casa di produzione, innesca una
miscela esplosiva capace di mettere in difficoltà qualunque commissione
selezionatrice.
Scopo di Amarcort Film Festival è quello di sfatare il mito che vede considerare il
cortometraggio come un genere minore: i corti sono film brevi, ma non piccoli, con
grandi e legittime aspirazioni nel mondo cinematografico.
Stessa qualità la possiamo ritrovare anche nelle foto in concorso che, grazie al
progressivo abbattimento dei costi della tecnologia, e alla qualità stilistica e tecnica
dei fotografi, raggiungono un notevole livello artistico.
I premi messi in palio sono quasi interamente di natura simbolica (per mancanza di
fondi) ma molto apprezzati dagli autori nelle precedenti edizioni:
-Premio Giuria Tecnica sez. Amarcort (miglior corto in assoluto)
-Menzione Fellini (miglior corto “felliniano”)
-Premio “Pataca” (miglior interpretazione sez. Amarcort)
-Premio del pubblico sez. Gradisca (corto più votato)
-Premio SMArt Academy sez. Fulgor (miglior corto locale)
-Premio Giuria Tecnica sez. Paparazzo “Ritratti Felliniani” (migliore foto)
-Premio del pubblico sez. Paparazzo a tema (foto più votata)
-Premio Giuria Tecnica sez. Paparazzo a tema libero (migliore foto)
A decretare i vincitori una giuria di tecnici ed artisti di spessore.
Ospiti d’eccezione quest’anno saranno l’attore televisivo e di teatro, regista e docente
di scrittura creativa Enzo De Caro (“Gioco perverso”, “Costanza”, “Una donna per
amico”, “Orgoglio”, “Provaci ancora Prof”, “Applausi e sputi”, …) e Sergio Forconi,
affermato attore di teatro e cinema, che ha tenuto a battesimo tutti i maggiori comici
toscani (Roberto Benigni in “Berlinguer ti voglio bene”, Francesco Nuti in “Madonna
che silenzio c’è stasera”, Leonardo Pieraccioni ne “Il ciclone”), affiancato Edo
Tagliavini (regista affermato e pluripremiato) e Marco Leonetti (Cineteca di Rimini).
La giuria sarà presieduta da Gianfranco Miro Gori (organizzatore e direttore di
festival internazionali).
Francesca Fabbri Fellini sarà la delegata per la menzione “Fellini”.
Le fotografie in gara saranno giudicate da Marco Sensoli (fotografo e docente di
fotografia), affiancato dalle associazioni “Rimini Sparita” e “La Rimini che non c’è
più” (due nuove realtà, che stanno riscuotendo un enorme successo su Facebook, per
la condivisione di materiale storico e la riscoperta della memoria della Rimini
“trascorsa”).
La video sigla del festival 2012 è stata affidata a Francesca Ferrario.
Francesca è entrata nel magico mondo dell’animazione a passo uno collaborando a
Chicken Run (2000) come assistente animatore.
Ha poi continuato in questo campo animando serie tv, pubblicità e film, anche come
film-maker indipendente.
Ultimamente all’animazione affianca seminari di modellazione in varie scuole e
collabora a festival facendo parte di giurie e pre-selezione cortometraggi.
Il programma della manifestazione è ricchissimo:
Mercoledi 31 ottobre sarà dedicato ad un incontro con le scuole medie superiori,
con una programmazione studiata appositamente per gli studenti.
L’intento è quello di far conoscere il mondo del cortometraggio che, sempre più
spesso, è capace di trattare temi sociali nello spazio di pochi minuti.
Proiezioni a partire dalle 10.30.
Giovedì 1 novembre: alle 21.15 inizia la fase competitiva di Amarcort Film Festival
con le proiezioni dei corti finalisti della sezione Fulgor ed una prima parte di quelli
della sezione Amarcort.
Venerdì 2 novembre: alle 21.15 seconda serata di concorso con le proiezioni dei
finalisti della sezione Gradisca (il vincitore è deciso dal pubblico presente in sala
mediante votazione su schede) ed una seconda parte dei corti della sezione
Amarcort.
Sabato 3 novembre: alle 21.15: Gran finale con proiezione dell’ultima tranche di
finalisti della categoria Amarcort e, a seguire, le premiazioni dei vincitori di tutte le
sezioni in gara.
Tutti gli spettacoli di Amarcort sono ad ingresso gratuito, per una sempre più
libera circolazione della cultura.
Tutte le informazioni e le novità sono visibili sul sito www.amarcort.it, e sul Gruppo
Facebook, oppure scrivendo alla info@amarcort.it.

Altre notizie