martedì 17 settembre 2019
menu
In foto: Parte la lotta al parcheggio selvaggio a Cattolica. Da qualche giorno la Polizia Municipale sta iniziando ad elevare contravvenzioni ad auto e moto parcheggiati fuori dagli spazi consentiti.
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 20 mar 2010 17:29 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

La nota stampa

Entrano nel vivo le operazioni di contrasto, da parte dell’Amministrazione Comunale, per mezzo della Polizia municipale, del parcheggio selvaggio. Qualche tempo fa la giunta aveva annunciato un giro di vite nei confronti dei comportamenti poco diligenti, con particolare riferimento a quelli degli automobilisti e dei conducenti di motociclette e scooter. L’obiettivo è non tanto e non solo quello, peraltro doveroso, di far rispettare il codice della strada, ma sopratutto quello, più volte enunciato, di fare tutto il possibile per rendere Cattolica una città sempre più accogliente e vivibile.
Da questo punto di vista auto e motorini parcheggiati su ogni metro quadro, magari anche sui marciapiedi, o in prossimità delle strisce pedonali, non rappresentano sicuramente un bel biglietto da visita. E oltre a questo, rendono la vita davvero difficile a mamme con passeggini e carrozzine (ma anche con bambini condotti per mano), anziani e disabili magari in carrozzina.
Già da qualche giorno gli agenti di Polizia Municipale stanno iniziando ad elevare contravvenzioni alle auto e ai mezzi a due ruote particolarmente indisciplinati, e l’intendimento è quello di essere sempre più attenti a questi aspetti, che ovviamente si affiancheranno anche al controllo della guida pericolosa. Così come, in prospettiva, e come annunciato, ci si concentrerà anche sul contrasto di altri aspetti deleteri per una bella immagine della città, quali rumori molesti eccessivi, immondizia lasciata in giro o comunque fuori dagli appositi cassonetti, deiezioni di cani non raccolte e così via.
“Stiamo entrando nel merito – spiega il sindaco Marco Tamanti – delle azioni da compiere per rendere Cattolica sempre più ordinata ed accogliente. Mi piacerebbe che le persone che vengano a visitare la città, così come i cattolichini, provassero una sensazione di armonia, nel percorrere le nostre vie e le nostre piazze più belle. E credo che se riusciremo in questo intento, anche parcheggiare l’auto 200 o 300 metri più lontano dalla propria meta possa essere vissuto non più come un fastidio, ma come l’occasione per farsi una bella passeggiata. In sicurezza e senza disagi”.
D’altra parte la giunta sta adottando un regolamento mirato proprio a dare quest’immagine armoniosa della città, anche nei periodi di non piena stagione. Il regolamento prevede, tra l’altro, che gli stabilimenti balneari debbano essere accessibili e comunque di aspetto dignitoso anche quando sono chiusi, e non impedire la vista al mare. Stessa cosa per i pubblici esercizi della zona mare, che in periodo turistico saranno tenuti a non spegnere completamente le vetrine e a non abbassare le saracinesche prima della mezzanotte e non collocare chiusure in legno delle vetrine stesse nel periodo che va da maggio a fine settembre.

Notizie correlate
di Redazione   
di Simona Mulazzani   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna