mercoledì 16 gennaio 2019
In foto: Ancora nessuna novità sulla sorte delle due volontarie italiane rapite martedì scorso in Iraq, anche se il ministro Frattini, oggi in Iraq, afferma di avere ricevuto un importante contributo informativo sulla vicenda.
di    
lettura: 1 minuto
lun 13 set 2004 19:13 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Intanto Rimini continua a promuovere iniziative di sostegno e il centro di cultura islamica riminese ha inviato un appello per la liberazione ad Al Jazeera.
“Viviamo in Italia, e vi confermiamo che le persone che avete nelle vostri mani sono venute in Iraq spinte dalla loro volontà di aiutare i bisognosi – recita l’appello – e non hanno nulla a che vedere con la presenza militare italiana, essendo già a Baghdad durante l’embargo e anche sotto i bombardamenti americani.
Nel nome della fratellanza che ci unisce nell’Islam ci rivolgiamo a voi e vi chiediamo di mettere da parte ogni considerazione politica o strategica della vostra azione – prosegue il messaggio – e di far prevalere solamente il giudizio della sharìa di Allah e gli insegnamenti del suo Profeta, che Dio lo benedica e gli porga il saluto di pace”.

Notizie correlate
di Redazione
Una vicenda che fa discutere

Arresti alla casa per anziani. I commenti

di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna