giovedì 17 gennaio 2019
In foto: Un uomo di 58 anni é stato aggredito nel pieno centro di Rimini da due grossi cani che il padrone gli avrebbe aizzato contro, infastidito da una battuta sulla pericolosità degli animali, ed é ricoverato in prognosi riservata all' ospedale Infermi.
di    
lettura: 1 minuto
mer 29 set 2004 22:46 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

E’ stato sottoposto a un lungo
intervento chirurgico e rischia l’amputazione dell’avambraccio
destro.
L’assurdo episodio é avvenuto questa sera a Rimini: il
proprietario dei cani, Vincenzo De Feo, 37 anni, originario di
Alcamo (Trapani) ma di fatto senza fissa dimora, é stato
arrestato dai carabinieri del nucleo radiomobile con l’accusa di
lesioni dolosi gravi.
L’uomo stava portando a spasso i due cani, uno un incrocio tra un alano e un boxer e l’altro tra un
rotweiller e un mastino napoletano, a poche centinaia di metri
dall’arco d’Augusto, ed é passato
vicino a due fratelli che stavano passeggiando lungo il
marciapiede.
Secondo una prima ricostruzione, i due fratelli, di
58 e 61 anni, avrebbero fatto un’osservazione sulla
pericolosità dei due cani suscitando la reazione dell’uomo che
avrebbe aizzato gli animali ad aggredirli.
Ad avere la peggio é
stato il fratello più giovane, mentre l’altro se la caverà in
sette giorni. I due animali sono stati affidati al canile
municipale.

Notizie correlate
di Redazione
Una vicenda che fa discutere

Arresti alla casa per anziani. I commenti

di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna