Indietro
menu
Bellaria Igea Marina Cronaca Rimini: notizie e Cronaca di Rimini e provincia

Scoperto un apparecchio per clonare bancomat

In foto: Quando si è recato al solito bancomat della sua banca per prelevare i soldi e si è accorto che c'era qualcosa di strano, ha subito chiamato la polizia. Una volta sul posto, gli agenti del commissariato estivo di Bellaria hanno scoperto che sullo sportello era stata montata una strumentazione in grado di leggere le carte di credito e le tessere bancomat.
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 10 lug 2004 13:37 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Due gli apparecchi rinvenuti dagli agenti: un dispositivo contenente una telecamera che inviava via radio le immagini ad una postazione mobile (probabilmente un’auto con a bordo un monitor o un computer portatile) situata a non più di 200 metri dalla banca, e un lettore dotato di microcip, capace di leggere il codice delle carte magnetiche, posizionato davanti al lettore vero del bancomat. Il primo dispositivo era forse munito di un microfono che ha permesso ai malviventi di ascoltare la chiamata al 113. Un uomo, infatti, poco prima dell’arrivo della pattuglia, ha cercato di rimuovere i due dispositivi, ma è stato interrotto dal cittadino che aveva chiamato gli agenti e con il quale ha iniziato una colluttazione. L’uomo è poi scappato all’arrivo della volante facendo perdere le proprie tracce. Sull’accaduto ora indaga il personale della squadra mobile di Rimini. L’utilizzo di queste apparecchiature per clonare le tessere magnetiche è molto frequente, e si concentra soprattutto nel fine settimana, quando le banche sono chiuse. Per ridurre i rischi di ritrovarsi con la carta bancomat clonata, è consigliabile servirsi il più possibile del solito sportello e osservare se presenta delle differenze o anomalie rispetto alla norma e nel qual caso chiamare subito le forze dell’ordine.

 
Notizie correlate
di Andrea Turchini   
di Redazione   
VIDEO