Indietro
menu
Cronaca Rimini: notizie e Cronaca di Rimini e provincia Montefeltro

Liboni: un latitante inafferrabile. I suoi stratagemmi e i suoi alias

In foto: Luciano Liboni, il latitante ricercato per l'omicidio dell'appuntato dei carabinieri Alessandro Giorgioni, ha una frattura al setto nasale e tre dita della mano destra contuse, conseguenza dell'incidente stradale in cui é rimasto coinvolto il 21 luglio nella zona di Sarsina.
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 23 lug 2004 19:46 ~ ultimo agg. 11 nov 17:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Potrebbe indossare ancora la fasciatura alla mano che i
medici dell’ospedale di San Piero in Bagno gli avevano fatto,
convinti di medicare il signor Franco Franchini, come c’é
scritto sulla carta d’identità falsificata che il
pluripregiudicato porta con sé, e non il bandito in fuga che
meno di 24 ore dopo avrebbe ammazzato un povero appuntato dei
carabinieri.
Liboni é alto circa un metro e 75 centimetri, ha
il volto butterato e c’é un altro particolare inconfondibile,
che tutti quelli che negli ultimi tempi hanno avuto a che fare
con lui hanno notato: emana il cattivo odore tipico di chi é
costretto a lavarsi poco, perché vive per strada, dorme in un
sacco a pelo dove capita (spesso nei campi o nei boschi), o al
massimo a bordo di un furgone.
Le foto segnaletiche lo ritraggono con un pizzetto che di
recente avrebbe tagliato, mentre fra le sue abilità di
latitante c’é la capacità di simulare accenti diversi, ad
esempio un’inflessione napoletana, per camuffare la parlata
della sua regione d’origine, l’Umbria.

Notizie correlate
di Redazione   
di Lucia Renati