Indietro
menu
Rimini

La CNA sull'abusivismo: se si vuole, i risultati ci sono

In foto: "Lotta all’abusivismo: se si fa qualcosa i risultati si vedono. Ma quel che si fa ancora non basta". E' il titolo di un intervento sull'abusivismo commerciale firmato da Ivano Panigalli Responsabile CNA Rimini dei Rapporti con la Pubblica Amministrazione, che pubblichiamo:
www.cnarimini.it
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 7 lug 2004 16:16 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Martedì 6 luglio, di mattina, chi passeggiava sulla spiagge fra Bellariva e Rivazzurra correva il rischio di non riconoscerle. Non si vedeva l’ombra di un venditore abusivo, la battigia era libera da merci e mercatini. Andando sul lungomare si capiva anche il perché: tutti gli ingressi alla spiaggia erano presidiati dalle Forze dell’Ordine, che stavano provvedendo anche sequestrare merci in gran quantità.

Questo episodio dimostra, se ce ne fosse ancora bisogno, che qualcosa contro l’abusivismo commerciale si può fare. E che, se si fa, i risultati si vedono subito. Del resto per averne la riprova basta arrivare a Riccione, dove l’intensa opera di prevenzione e repressione sta riportando la situazione delle spiagge a livelli accettabili.

A Rimini purtroppo non è ancora così. I commercianti e gli operatori di spiaggia assistono quotidianamente ad un’occupazione della spiaggia di tipo militare, con spartizioni spietate da parte dei gruppi di abusivi. Non mancano veri e propri banchi da mercato con tanto di tettoie; addirittura vengono montati veri e propri palchi muniti di altoparlanti per attirare la clientela.

Chi nel suo esercizio regolare viene sanzionato per ogni minima infrazione sanitaria vede all’opera massaggiatori, venditori di presunti medicamenti, praticoni di trattamenti estetici di ogni genere.

Chi lavora sulla spiaggia alle prese con una difficile congiuntura, sotto la spada di Damocle di canoni demaniali aumentati di cinque o sei volte, ai propri clienti non può più garantire nemmeno l’accesso al mare, ostruito com’è dalla barriera degli abusivi.

Chi paga l’Ici sperando che i propri soldi vadano al rafforzamento delle operazioni di sicurezza pubblica e rispetto delle regole, vede operazioni sul momento efficaci, ma ancora insufficienti perché sia inteso a chiare lettere quello che dovrebbe essere il messaggio verso gli abusivi: “A Rimini per voi non è più aria”.

CNA Rimini, pur apprezzando gli sforzi fin qui compiuti dalle Autorità preposte, ritiene che la lotta all’abusivismo commerciale a Rimini debba essere rafforzata seguendo l’esempio di realtà che stanno conseguendo effetti significativi.

Deve essere una lotta costante, capillare, senza quartiere. Perché la legalità va rispettata, ma innanzi tutto ripristinata.

CNA Rimini è al fianco degli operatori di spiaggia, dei commercianti, dei pubblici esercenti che ogni giorno si trovano a dover affrontare una situazione intollerabile. Salvo poche eccezioni, come quel martedì mattina. Possibile che non si riesca a far tornare l’eccezione nel novero della regola?

 
Notizie correlate
di Redazione