Indietro
menu
Riccione

14 film per unire mare e monte: torna la 'Piazza del Cinema'

In foto: Dopo il successo dello scorso anno che portò in piazza oltre 8mila spettatori torna a Riccione l'appuntamento con la Piazza del Cinema, promosso dall'amministrazione comunale e dal comitato Riccione Paese.
www.comune.riccione.rn.it
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 14 lug 2004 18:15 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Da martedì prossimo al 2 agosto, 14 pellicole per tutti i gusti da guardare sotto le stelle. Un anticipazione, il 19 luglio, e una chiusura, il 3 agosto, sulla spiaggia libera di Piazza San Martino con la proiezione di Profondo Blu e Moby Dick.

Molte sale cinematografiche in estate, si sa, chiudono i battenti e le arene all’aperto non sempre riescono a soddisfare il pubblico di vacanzieri e residenti. Commedie, cinema d’animazione, essay tra le pellicole in calendario: si va da “Mistic River” con Seann Penn a “Mona Lisa Smile” interpretato da Julia Roberts, da “Il costo della vita che fotografa in modo geniale il vizio dell’avarizia al dolce amaro “I sentimenti”, dai Looney Toons per i più piccoli a Calendar Girl, un Full Monty al femminile, dal nostalgico La grande seduzione all’ironico Kops. Ci sono poi Shultze vuole suonare il blues, Sea Biscuit, il romagnolo “Ogni volta che te ne vai” con Fabio de Luigi, il divertente Riunione di condominio e il colorato “Jagoda: fragole al supermarket”.
Novità di quest’anno l’inserimento del film documentario, dopo il recente successo attribuito al genere anche da Hollywood. Costo del biglietto d’ingresso 3 euro, ridotto 1 euro.
Francesco Cavalli è assessore alla cultura del comune di Riccione.

L’obiettivo di unire mare e monte, caro soprattutto al comitato di Riccione Paese, sta a cuore al neo assessore alle Attività produttive, Bruno Castellani, che veste il duplice ruolo di amministratore e segretario del comitato commercianti.

Riqualificare la piazza, ma anche costruire un teatro per superare la linea maginò della ferrovia; pensando in grande per l’estate ci si accontenterebbe di navette per unire il centro con il paese.