Indietro
menu
ricerca sociometrica

Pil turismo. Le Spiagge G20 tutte tra i 100 comuni che producono più ricchezza

In foto: dal sito G20 spiagge
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 11 dic 2022 13:18
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il recente studio di Sociometrica, elaborato su dati ISTAT,  “La ricchezza dei comuni turistici – Ranking secondo la creazione di valore aggiunto” ha mostrato l’entità della ricchezza prodotta dal comparto turistico nel nostro Paese. Leggendo nel dettaglio i dati emergono elementi molto interessanti  sul network rappresentato dalle maggiori città balneari Italiane, G20Spiagge. Tutte sono tra i 100 maggiori comuni turistici per valore economico aggiunto, cioè produttori di quel reddito, di quel PIL che sostiene l’economia nazionale.

Lasciando da parte i valori assoluti in euro, balza agli occhi come il settore balneare italiano sia il primo produttore di ricchezza derivata dal turismo del Paese: “Il dato economico e le graduatorie nazionali – afferma Roberta Nesto, coordinatrice del G20Spiagge e Sindaco di Cavallino Treporti – svelano una volta di più la capacità di produrre reddito delle nostre località. È un reddito diffuso, una ricchezza che si spalma sulle comunità, a fronte dei molti disagi che le stesse comunità locali sopportano per produrla. Perché è proprio così: non è facile con le carenze legislative di cui tutti noi enti pubblici soffriamo, dare un servizio di ospitalità all’altezza delle esigenze del turista moderno. È per questo che non ci stanchiamo di chiedere lo status di Città Balneare che, una volta per tutte, risolverebbe molte delle nostre difficoltà amministrative”.

Mettere insieme i diritti degli abitanti con le esigenze degli ospiti è un’impresa che obbliga ogni anno gli amministratori pubblici a delle enormi fatiche con un risultato, nel produrre ricchezza oggi misurato dalla ricerca, che potrebbe non solo aumentare ma anche essere distribuito in maniera più diffusa e utile per le comunità stesse.

Il settore balneare, come anche altri settori turistici, ha un effetto moltiplicatore sull’economia generale della località: il dato più seguito e verificato considera che ogni euro speso direttamente nel turismo generi ulteriori 60 centesimi in altri settori (20% industria, 35% servizi, 5% agricoltura). Quindi, oltre alla grande capacità di produrre ricchezza in sé, il sistema della vacanza genera ulteriore valore aggiunto: maggior numero di imprese, maggiore occupazione, maggior reddito personale.

E, non trascurabile, è sicuramente un settore produttivo che non si esaurirà: lo stile di vita delle persone ha inserito la vacanza tra le proprie necessità ineludibili. E questo, nelle località balneari italiane, lo affermano tutti e da tantissimo tempo. Forse queste comunità, ad iniziare dalle loro amministrazioni, vanno sostenute per il bene dell’intero Paese con una attenzione maggiore. Disvelare, con i numeri, è sempre molto utile.