Indietro
menu
sabato 10 dicembre

Alla Baldini Rosita Copioli presenta il suo "I fanciulli dietro alle porte"

In foto: Rosita Copioli
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 8 dic 2022 14:34 ~ ultimo agg. 7 dic 17:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sabato 10 dicembre alle 17 in Stanza Antonio Baldini dell’omonima biblioteca di Santarcangelo sarà presentato il libro “I fanciulli dietro le porte“, Vallecchi editore, dell’apprezzata poetessa e scrittrice Rosita Copioli. Sarà presente l’autrice che dialogherà con Luca Cesari. L’ingresso è libero, ma visto che i posti sono limitati si consiglia la prenotazione.

la presentazione

“I fanciulli dietro alle porte”, nuovo libro di Rosita Copioli, è un poema esoterico, un canzoniere d’amore, un violento epos del femminile – sebbene guardi all’androgino – che intreccia mito e storia recente, e consegna molte chiavi per capire il nostro tempo, al confine tra conoscenza e profezia. Un libro-universo dall’enorme respiro, in cui l’autrice porta al più alto grado temi e registri esplorati fin dall’esordio, quando nel 1979 Splendida Lumina Solis le valse il Premio Viareggio Opera Prima. Salutata da Pietro Citati come «la più intensa e ricca poetessa italiana di oggi», Copioli ha l’audacia di inaugurare un passo decisamente nuovo: una pronuncia che scardina e condensa, che nel plurilinguismo intesse sapienza classica e sperimentazione. Protagonista è il desiderio che muove il cuore umano con le stesse pulsioni della natura, all’inseguimento del Tutto: l’infinito spavento di Platone e di Leopardi. Dodici quadri lo inscenano nel seme del fuoco e dell’eros, nelle tre figure di Prometeo, Lucifero, san Francesco, nella storia dei conflitti in Jugoslavia e nell’archetipo delle Amazzoni, in una Romagna ancestrale di riti, Vangeli e anarchia.

 

Rosita Copioli è nata a Riccione. Poetessa e saggista, fra le sue pubblicazioni si ricordano: Splendida lumina solis (1979, Premio Viareggio “opera prima”), Furore delle rose (1989, Premio giuria Montale), I giardini dei popoli sotto le onde (1991), Il fuoco dell’Eden (1992), Elena (1996), La previsione dei sogni (2002), Il postino fedele (2008), Animali e stelle (2010), Il nostro sistema solare (2013), Le acque della mente (2016). Ha scritto anche testi drammatici e si occupa di studi storici. Sue raccolte di poesia sono tradotte in USA e in Francia. Ha collaborato con “Il Giornale” e “L’Avvenire” e ha diretto la rivista “L’altro versante”. Ha curato e tradotto opere di Yeats, Saffo, Leopardi, Goethe, Flaubert.