Indietro
menu
Comparto moda

Negozi in crisi tra rincari, consumi in calo e black friday

In foto: Giammaria Zanzini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 15 nov 2022 16:14
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una sorta di tempesta perfetta che si abbatte su una barca che già navigava a fatica. Questo, in sintesi, il quadro della situazione del comparto moda che traccia il presidente provinciale di Federazione Moda Italia, Giammaria Zanzini. Nel comparto retail si registra un calo di consumi di circa il 12% e gli acquisti si spostano sempre più spesso online. “Tra clima mite, black friday e sconti prenatalizi – evidenzia Zanzini – per un negozio di prossimità riuscire a incassare nei tempi previsti a prezzo pieno è un miraggio e i margini pure, mentre gli impegni verso i fornitori e le banche continuano ad essere pressanti, come importi e come scadenze.” A rischio c’è la sopravvivenza del comparto e l’appello di Federmoda al Governo è quello di mettere in atto misure strutturali per il settore come l’abbassamento dell’Iva sui prodotti di moda.

La nota di Giammaria Zanzini

Con l’abbassamento delle temperature registrato in questo ultimo weekend – dice – e quindi un clima più consono al periodo dell’anno in cui ci troviamo, auspichiamo vivamente che finalmente gli acquisti vengano indirizzati verso i capi di stagione come cappotti, maglioni, piumini ad oggi invenduti per la scelta di molte persone di posticipare i propri acquisti viste e considerate le temperature sin qui registrate. Il combinato disposto tra il clima e il fisiologico calo dei consumi – in calo nel settore moda del 12% e sempre più spostati sull’on-line – generato da un’inflazione galoppante arrivata all’11,9%, al caro-bollette e al caro-mutui, sta sfiancando l’intero comparto, alle prese ormai da anni con difficoltà sempre maggiori, costi in costante ascesa e margini sempre più risicati. A repentaglio c’è la sopravvivenza del canale retail così come finora lo abbiamo inteso e apprezzato, con le inevitabili conseguenze non solo sui modelli di consumo, ma anche sulla vivacità e sulla sicurezza delle nostre città, che vedono sempre più vetrine spente e saracinesche abbassate“.
Zanzini punta poi il dito sul black friday ormai alle porte che “rischia di infliggere l’ennesimo colpo al commercio tradizionale. Chi ha già iniziato, chi ha annunciato la settimana di sconti, i dieci giorni o anche di più, nei negozi e sul web; in ogni caso l’effetto è quello di drogare il mercato, spostando i volumi verso le piattaforme on line e le grandi catene, riducendo ancora una volta i margini. Se a questo aggiungiamo che in barba a leggi e regolamenti sono in tanti a promuovere sconti e ribassi anche nei 30 giorni precedenti l’avvio dei saldi, il calendario autunno-inverno è presto fatto. Tra clima mite, black friday e sconti prenatalizi, per un negozio di prossimità riuscire a incassare nei tempi previsti a prezzo pieno è un miraggio e i margini pure, mentre gli impegni verso i fornitori e le banche continuano ad essere pressanti, come importi e come scadenze. Senza dimenticare il problema del costo degli affitti che, con questa inflazione, comporterà nuovi sacrifici per un negozio di moda già alle prese con costi di gestione assolutamente insostenibili.
Diventano sempre più urgenti nuovi regolamenti di pianificazione commerciale e di tutela del tessuto economico locale e sui saldi nei negozi fisici e sul web. Da questo governo mi attendo misure strutturali per il settore abbigliamento, tessile e calzature, oggi non più procrastinabili, a cominciare dall’abbassamento dell’Iva sui prodotti di moda”.