Indietro
menu
in udienza

La montagna, un grande amore. Il Cai incontra il vescovo Lambiasi

In foto: l'incontro del CAI con il vescovo
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 9 nov 2022 14:47 ~ ultimo agg. 15:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’abbraccio del Vescovo di Rimini ha accolto la delegazione della sezione riminese del Club Alpino Italiano, guidata dal presidente Mauro Campidelli, che è stata ricevuta in diocesi nei giorni scorsi.
I soci CAI hanno presentato e descritto a mons. Lambiasi l’opera svolta dai vari gruppi dalla sezione che spaziano dall’alpinismo – anche giovanile – alla sentieristica, alla speleologia, al soccorso – era tra i presenti Nicolo’ Decarli tecnico di Elisoccorso Cnsas – fino all’ultima nata, la Montagnaterapia, attività che promuove il progetto “Una Montagna per Tutti” volto a consentire la frequentazione di luoghi in alta quota anche ai disabili.

Nel corso dell’incontro è stato sottolineato il prezioso sostegno di don Eugenio Savino che spesso mette a disposizione il pulmino parrocchiale per il trasporto delle attrezzature.
Durante l’udienza il Vescovo Francesco ha menzionato gli anni giovanili, quando, nei campeggi estivi, frequentava le montagne del Gran Sasso ricordando la serenità derivante dal contatto con il paesaggio montano e l’emozione delle piccole scoperte, come le polle sorgive di acqua cristallina. Ha elogiato lo zelo posto dal CAI per la tutela dell’ambiente, lodando altresì l’attenzione rivolta ai giovani e compiacendosi dell’impegno nell’ambito del sociale. L’incontro si è concluso con l’invito del Vescovo a continuare il cammino sul sentiero dei sani principi che la montagna ci trasmette: rispetto, amore, passione, inclusione, tramandandoli alle nuove generazioni affinchè crescano con ideali virtuosi proiettati verso una più attenta cura del mondo in cui viviamo.