Indietro
menu
le ripartizioni

Caro bollette. A Bellaria contributi a fondo perduto per famiglie e imprese

In foto: il Municipio di Bellaria
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
sab 12 nov 2022 10:35 ~ ultimo agg. 10:42
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
 La Giunta comunale di Bellaria Igea Marina ha stabilito lo stanziamento di contributi a fondo perduto per un totale di oltre 135.000 euro per rispondere al caro bollette. Una somma ripartita in interventi a favore delle famiglie e interventi a sostegno delle attività economiche, con contributi per queste ultime fino a 750 euro.
Per quanto riguarda le famiglie, si tratta di contributi per oltre 65.000 euro che saranno distribuiti a parziale copertura delle spese per le utenze relative all’energia elettrica ed al gas. Le famiglie di Bellaria Igea Marina non sono chiamate a presentare domanda, poiché l’assegnazione avverrà tenendo conto della graduatoria ancora in essere, e risultante dal bando scaduto lo scorso 25 marzo.
Nei primi mesi dell’anno, infatti, l’Amministrazione ha distribuito una prima tranche di contributi da oltre 85.000 euro – più nuovi buoni spesa per un valore di circa 10.000 euro – grazie ai quali 240 nuclei famigliari di Bellaria Igea Marina hanno ricevuto tra i 400 e i 500 euro utili ad alleviare l’impatto dei costi delle utenze. Se con quel primo stanziamento l’Ente è stato in grado di soddisfare le richieste dei nuclei con Isee più basso, con questa seconda tranche si mira a scorrere ulteriormente la graduatoria; si ricordano, a tal proposito, le diverse fasce di contribuzione così come aggiornata dall’ultima delibera di Giunta: 260 euro destinati a Isee da 8.500 a 16.500 euro, 220 euro assegnati a famiglie con Isee da 16.500 a 19.500 euro e infine 200 euro per gli Isee tra 19.500 e 25.000 euro. Come detto, non si procederà a nuova istruttoria ed i Servizi Sociali comunali procederanno d’ufficio all’assegnazione agli aventi diritto.
Ammonta poi a 70.000 euro la somma messa a disposizione delle attività economiche, che dà continuità alle politiche di sostegno al tessuto produttivo attuate nell’ultimo triennio. Con essa, verrà erogato un contributo che sarà pari al 30% della bolletta, luce e gas, fatturato nel mese di agosto o settembre, fino a un massimo di 200 euro per ogni tipologia di utenza; questo, per quanto riguarda le attività che hanno un periodo di apertura fino a 270 giorni. Contributo che sale al 50 % delle medesime bollette, fino a un massimo di 750 euro per ogni tipologia di utenza, per le attività che hanno un periodo di apertura superiore a 270 giorni. L’apposito bando sarà pubblicato nei prossimi giorni e conterrà tutte le indicazioni utili circa presentazione delle domande e requisiti richiesti: tra questi, avere sede operativa nel territorio di Bellaria Igea Marina, risultare ditta attiva alla data di richiesta del sostegno economico, con regolare iscrizione nel registro imprese istituito presso la CCIAA territorialmente competente se prevista, e che l’utenza sia ad ‘uso non domestico’ e intestata all’impresa.
Come avvenuto in passato, abbiamo deciso di anticipare con risorse comunali, quelli che ci auspichiamo possano essere ulteriori interventi di ristoro a livello sovra ordinato. Per quanto riguarda le famiglie, con questa seconda tranche miriamo a uno scorrimento profondo della graduatoria, assegnando contributo a tanti nuclei sotto un Isee di 19.500 euro”, spiega il Sindaco Filippo Giorgetti. “Parimenti abbiamo voluto intervenire a beneficio delle imprese, con un sostegno per tutti e una premialità per quelle aperte tutto l’anno. Siamo consapevoli che queste misure non risolveranno il problema del caro energia, ma crediamo che in questa fase storica e con l’attuale congiuntura economica, che non risparmia gli enti locali come il nostro, mettere a disposizione della comunità oltre 135.000 euro, 70.000 per le sole imprese, sia da parte dell’Amministrazione un segno tangibile di vicinanza verso famiglie e tessuto commerciale: una misura”, conclude il primo cittadino, “concordata e nata dal confronto sia con le associazioni di categoria del territorio, sia con le rappresentanze sindacali, le quali hanno espresso apprezzamento per l’iniziativa.”