Indietro
menu
L'intervista al sindaco

Sadegholvaad: bollette, chiusura via Euterpe, stadio, parcheggi, area ex questura

In foto: Jamil Sadegholvaad
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 20 ott 2022 11:46 ~ ultimo agg. 21 ott 12:06
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un’ampia intervista al sindaco di Rimini Jamil Sadegholvaad, ad un anno dall’inizio del suo mandato, ha aperto la nuova stagione di Fuori dall’Aula su Icaro TV (ch18).

Tanti i temi affrontati. Si è partiti dall’attualità dei rincari energetici che hanno costretto il comune ad una variazione di bilancio dal 10milioni di euro. Allo studio c’è un pacchetto “fiducia” con misure a favore di cittadini e imprese, ha spiegato il sindaco.

Sul turismo, Sadegholvaad ha tracciato un bilancio della stagione e ha parlato anche dell’importanza con l’aeroporto e della necessità di maggiore chiarezza sugli aiuti pubblici agli scali. Non è mancato un accenno alla pericolosa “rivalità” con lo scalo di Forlì.

Spazio poi al tema dei parcheggi (gli interrati Marvelli e anche Fellini) e del parco del Mare che vedrà una pausa degli interventi che riprenderanno tra circa un anno sui tratti 6, 7 e 9 con fondi Pnrr. Si inizia a lavorare anche sul futuro del triangolone del Porto, ha detto il sindaco.

In tema di viabilità, Sadegholvaad ha parlato degli interventi in corso per le rotatorie sulla SS16 annunciando che i lavori che partiranno a breve per l’incrocio tra Statale e la Consolare per San Marino avranno un grosso impatto sul traffico. Comporteranno infatti la chiusura temporanea di via Euterpe.

Per quanto riguarda le infrastrutture sportive, il primo cittadino ha parlato delle interlocuzioni in corso per uno scambio di beni con la provincia che permetta al comune di diventare proprietario del Palazzetto dello Sport e intervenire poi in maniera “robusta” sull’immobile. Sullo stadio Neri, tutto pronto per la copertura dei distinti lato Riccione. Sadegholvaad ha detto anche di essere disponibile a ragionare sull’avvicinamento della curva e ha invitato una delegazione di tifosi biancorossi ad incontrarlo.

Il sindaco ha affrontato anche il tema del traffico su via Ducale: la strada sta vivendo, ha detto, quello che fino a qualche anno fa accadeva su via Giovanni XXIII con un flusso di attraversamento del centro storico. Ha poi ricordato la Ztl notturna e gli interventi, come la nuova rotatoria Bigno che sarà realizzata nei prossimi mesi, che dovrebbero limitare il traffico verso il centro storico.

Per quanto riguarda l’area ex questura di via Bassi, Sadegholvaad ha ribadito che l’interlocutore obbligato dei privati che hanno acquisito l’area è il comune e il progetto Rimini Life prevede “tante cose che non sono state condivise con l’amministrazione“. “Quell’area deve soddisfare l’interesse della città“, ha ribadito, “l’amministrazione è pronta a collaborare con chi vuole investire ma con l’interesse pubblico. Non possiamo immaginare qualsiasi cosa per quell’area. Il PUG sarà uno strumento fondamentale.

Sul campo nomadi di via Islanda, il sindaco ha detto di non aver mai condiviso il progetto delle microaree: “credo che per risolvere un problema oggettivo non se ne possono creare altri 10, 12 o 15. Il superamento di via Islanda è necessario ma con soluzioni abitative ordinarie ed eventualmente con altri metodi che potranno essere individuati dal consiglio comunale.

Infine, ricordando i tanti esponenti del territorio nel nuovo Parlamento, Sadegholvaad ha auspicato che possano lavorare insieme e ha messo sul piatto un paio di tematiche: l’impianto eolico (“dico si all’eolico in mare ma salvaguardando il nostro paesaggio“) e la variante alla SS16. Su quest’ultima secondo il sindaco “ci sta che gli agricoltori e gli abitanti della zona nord siano preoccupati. Noi abbiamo chiesto alcune modifiche al tracciato ma sono decisioni dell’Anas e del Ministero. E su questo è fondamentale il lavoro dei nostri parlamentari.