Indietro
menu
due consigliere fanno da sè

Divisioni in maggioranza. Nasce un nuovo gruppo a Poggio Torriana

In foto: Macchitella e Salvigni
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 28 ott 2022 11:35 ~ ultimo agg. 11:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Nella prossima seduta del Consiglio Comunale di Poggio Torriana che sarà convocata a novembre sarà ufficializzata la comunicazione delle Consigliere Comunali, Guendalina Salvigni e Francesca Macchitella, già consegnata al Presidente del Consiglio nonché il Sindaco, Ronny Raggini.

Entrambe hanno deciso di staccarsi dal gruppo consiliare Uniti a Poggio Torriana per formare un nuovo gruppo consiliare denominato Territorio e Identità di cui Guendalina Salvigni sarà capogruppo. Tale possibilità è praticabile e consentita dal Regolamento consiliare, specificano le due Consigliere che hanno ravvisato divergenze rispetto alla visione politica e alle scelte della lista Uniti a Poggio Torriana con cui si sono candidate nella primavera del 2019.

L’opzione di costituire il nuovo gruppo Territorio e Identità – spiegano in una nota – nasce dalle non poche frizioni avvenute durante gli ultimi mesi, in particolare, sulla programmazione delle risorse ascritte al Bilancio e sulle valutazioni di taluni Lavori ed Investimenti pubblici.

“Questo passaggio serve ad esprimere la nostra volontà di provare a costruire un’alternativa, a breve e medio termine, al conservatorismo ed immobilismo che si sono consolidati alla guida del Comune di Poggio Torriana. È urgente riconsiderare l’identità locale di questo Comune, nel rispetto del suo Territorio situato nel cuore della Valmarecchia, valorizzandone le caratteristiche sociali, ambientali, storiche e culturali. Il nostro lavoro in Consiglio Comunale prosegue con impegno, responsabilità e continuità a quello svolto fino ad oggi, con sguardo attento ai contenuti del programma elettorale, grazie al quale siamo state elette”, concludono Salvigni e Macchitella.