Indietro
menu
a riccione e dintorni

Ladri in scooter e passaparola su WhatsApp, ma mancano le denunce

In foto: la caserma dei carabinieri di Riccione
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 12 set 2022 19:50 ~ ultimo agg. 14 set 07:53
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Da qualche giorno sta girando nelle chat WhatsApp di molti riccionesi e non solo un messaggio audio che segnala la presenza di due individui a bordo di uno scooter T-Max nero che “vanno a rubare in giro”. I presunti furti sarebbero stati commessi da ladri “abbastanza pericolosi” a Riccione, Morciano e Croce di Montecolombo.

Nel vocale viene raccomandato a chiunque avvisti un T-Max nero, con a bordo due persone, di “chiamare immediatamente i carabinieri e prendere il numero di targa”. Sarebbero stati gli stessi militari dell’Arma a incentivare il più possibile la diffusione dell’audio in questione, in una sorta di passaparola online. Pratica, quest’ultima, smentita categoricamente dai carabinieri, che non hanno in alcun modo consigliato la diffusione del vocale e ai quali non risultano denunce di furti commessi a bordo di scooter tra Riccione e l’entroterra.

Segnalazioni della coppia di malviventi in azione sono poi apparse anche in alcuni gruppi Facebook di Riccione e dintorni, non trovando però il riscontro da parte delle forze dell’ordine. L’unica cosa realmente utile da fare in caso di furto è recarsi in caserma e sporgere formale denuncia.