Indietro
menu
sul set de "il fiore delle mille e una notte"

La mostra “Gli Orienti di Pasolini” al Fulgor fino al 16 ottobre

In foto: la mostra a palazzo fulgor
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 9 set 2022 15:42 ~ ultimo agg. 18:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Fino al 16 ottobre il Palazzo del Fulgor ospita il viaggio fotografico di Roberto Villa dedicato a Pier Paolo Pasolini. E’ stata inaugurata questa mattina al Palazzo del Fulgor la mostra dedicata a Pier Paolo Pasolini attraverso documenti, immagini, locandine originali, immagini che portano sul set del film “Il fiore delle Mille e una notte”, realizzato da Pasolini nel 1973 quale ultimo capitolo della Trilogia della vita.

L’Oriente per Pasolini è un luogo dello spirito, dove si trova quel mondo sognato e desiderato che non esiste in questo Occidente. È stata inaugurata oggi al Palazzo del Fulgor, sede del Fellini museum, la mostra dedicata a Pier Paolo Pasolini nel centenario della sua nascita. Documenti, immagini, locandine originali, che portano nell’immaginario e nei colori d’oriente attraverso il set del film “Il fiore delle Mille e una notte”, realizzato da Pasolini nel 1973 ultimo capitolo della Trilogia della vita. Gli scatti inediti di Roberto Villa, che per 100 giorni ha affiancato il regista in Iran e nello Yemen, raccontano il set e il fuori set del film pasoliniano più fiabesco e leggero. Il valore che sorregge le immagini è soprattutto il rispetto verso la cultura e l’umanità orientali, in cui il fotografo Villa e il regista Pasolini sono straordinariamente solidali.

La mostra è ospitata nel palazzo settecentesco del Fulgor, sede, su tre piani, della sezione del Fellini Museum dedicata principalmente all’informazione, allo studio e all’immaginario di Fellini.

Alle 16,30 del 9 settembre, al Cinema Fulgor, Roberto Villa e Massimo Roccaforte dialogheranno e presenteranno il film “Il fiore delle Mille e una notte” nella versione restaurata in occasione dei 100 anni dalla nascita di Pasolini.