Indietro
menu
In commissione a Riccione

Bilancio, pratica consegnata in ritardo e niente rinvio. Minoranza esce per protesta

In foto: la prima seduta del consiglio di Riccione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 21 set 2022 17:30
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Restano tesi i rapporti tra maggioranza e minoranza consigliare a Riccione. L’ultimo episodio risale alla giornata di martedì quando la prima Commissione Consiliare avrebbe dovuto esprimersi sulla pratica relativa al bilancio consolidato del Comune. Ma qualcosa non è andato per il verso giusto. “Il Regolamento è chiaro – recita una nota congiunta della minoranza che attacca l’amministrazione di non mantenere l’impegno preso su trasparenza e partecipazione –: tutta la documentazione dev’essere consegnata ai Consiglieri almeno tre giorni prima perché possano studiarla. Nella documentazione consegnata, invece, mancava la relazione dei Sindaci Revisori, i contabili esterni che devono per legge verificare il bilancio. E’ un documento di grande importanza perché è un parere terzo ed indipendente sul bilancio non solo del Comune, ma anche di tutte le sue partecipate“.
Il documento è stato poi consegnato ai consiglieri direttamente in commissione e il Presidente Torcolacci ha concesso 20 minuti di tempo per leggerlo prima di riprendere la discussione.
Ammesso e non concesso che si possa studiare una pratica così complessa in così poco tempo – prosegue la nota –, i Consiglieri devono potere utilizzare il loro tempo per confrontarsi con i rispettivi Partiti o Liste Civiche, per raccogliere qualche parere o per preparare e depositare emendamenti.” La minoranza, dopo essersi vista respingere la richiesta di rinviare commissione e Consiglio Comunale di una settimana, ha così deciso di abbandonare l’aula. “Viene da chiedersi – conclude la nota – a questo punto a cosa servano le Commissioni. Ma soprattutto, a cosa serva promettere trasparenza quando poi si dispensa arroganza“.