Indietro
menu
stanziati 74mila euro

Più ore di sostegno nei centri estivi di Cattolica. E a scuola arriva l'educatore di plesso

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 5 ago 2022 14:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Proseguiranno per tutto il mese di agosto i centri estivi di Cattolica, con una particolare attenzione ai bambini con bisogni speciali per cui sono previste più ore di sostegno educativo: “oltre ad essere di supporto per le famiglie che d’estate lavorano – spiega l’Assessore alle politiche giovanili e all’istruzione Federico Vaccarinisi connotano per una profonda valenza educativa nei confronti delle bambine e dei bambini. Quest’anno, inoltre, un particolare impegno è stato assunto nei confronti delle famiglie con minori che necessitano del servizio di sostegno educativo al fine di poter garantire un servizio inclusivo di qualità“.

Le ore che il Comune di Cattolica eroga per il supporto educativo a bambine e bambini con disabilità che frequentano i centri estivi è stato ampliato dalle 2923 del 2021 alle 3346 del 2022. L’Amministrazione ha stanziato un incremento di spesa, rispetto al 2021, di oltre €9.000 per un totale di spesa approvato, destinato al sostegno educativo estivo 2022, pari a circa €74.000.

Siamo conviti – conclude Vaccarini – che sostenere le situazioni di fragilità rappresenti un investimento per il futuro di tutta la comunità; inoltre, assicurando la massima attenzione ai bisogni speciali dei nostri piccoli concittadini da una parte tendiamo una mano alle famiglie e dall’altra contribuiamo anche a fornire sempre maggiore riconoscimento alle professioni educative che con competenza e dedizione si prendono cura di bambine e bambini”

Maggiore impegno e un più ampio riconoscimento delle ore di sostegno educativo è previsto anche per l’anno scolastico che avrà inizio a settembre e che vedrà l’introduzione nel Comune di Cattolica della figura dell’educatore di plesso:così da garantire un supporto educativo sempre più rispondente alle reali esigenze di alunne e alunni con bisogni educativi speciali“.