Indietro
menu
Salvi i procedimenti in corso

Valori riscatto Peep. Approvato in Senato l'emendamento correttivo

In foto: Palazzi del V Peep
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 23 giu 2022 14:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Chi prima del 20 maggio (data della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’ultima norma) aveva in corso una procedura per il riscatto delle aree Peep potrà continuare ad avvalersi della precedente disciplina e quindi dei tetti massimi di 5.000 e 10.000 euro. In Senato ha avuto il via libera l’emendamento a firma dei senatori Daniela Manca e Antonio Misiani. Soddisfazione viene espressa dal comune di Rimini e dalla presidente dell’assemblea legislativa regionale Emma Petitti.

È stato approvato ieri, mercoledì 22 giugno, da parte di Palazzo Madama, l’emendamento a firma dei senatori Daniela Manca e Antonio Misiani riguardante i valori di riscatto dell’area Peep – scrive l’amministrazione comunale -: una normativa ‘riparatrice’ che migliora e corregge le disparità sui corrispettivi di riscatto introdotte all’interno del Decreto sull’Emergenza Ucraina nel maggio scorso. In quest’ultima disposizione, come noto, si abrogava con effetto immediato la precedente norma entrata in vigore il 31 luglio 2021 grazie a cui si introducevano agevolazioni economiche per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà delle aree e per l’eliminazione del prezzo massimo di cessione e del canone massimo di locazione per l’edilizia residenziale pubblica, ripristinando i valori di riscatto antecedenti, senza più i tetti massimi di 5 mila e 10 mila euro.

Un cambiamento iniquo deciso a distanza di neanche 10 mesi, che altro non ha fatto che rendere più complessa per i residenti l’acquisizione delle aree.

Come richiesto dal Comune di Rimini e da altri enti comunali, nell’emendamento, viene introdotto un periodo transitorio che consentirà a tutti i cittadini che prima del 20 maggio (data della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’ultima norma) avevano in corso una procedura per il riscatto delle aree di poter avvalersi della precedente disciplina. Una soluzione che, in sintesi, tiene in considerazione le indicazioni presentate dalla nostra amministrazione affinché all’interno della disposizione fossero coinvolti sia coloro che hanno in corso un iter per la trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà sia chi deve liberare le aree dai vincoli di alienabilità, senza esclusione alcuna.

La notizia che ci arriva dal Senato è dunque molto positiva e non fa che confermare il parere favorevole già espresso nei giorni scorsi dalla Commissione al Senato nell’ambito della conversione in legge del decreto sul PNRR2.

Finalmente, grazie a un lavoro sinergico con le forze politiche in Parlamento e con gli onorevoli firmatari, viene ridata giustizia ai residenti del Peep: ora non resta che attendere l’ultimo passaggio alla Camera”.

Come auspicato il testo relativo alle agevolazioni economiche sulla trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà delle aree Peep è stato approvato ed è diventato legge. Grande soddisfazione per il risultato ottenuto, grazie a un ottimo lavoro di squadra, con il Comune di Rimini e con il Pd nazionale” commenta Emma Petitti, presidente dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna. “Mi sono resa disponibile affinché la questione venisse definitivamente risolta agendo insieme al Comune di Rimini, dove sono presenti diverse aree Peep, e ai senatori Antonio Misiani e Daniele Manca del Partito Democratico, e si è arrivati in breve tempo al risultato sperato” conclude.

Altre notizie
di Redazione
VIDEO
Intervento della Polizia Locale

Furto al supermercato: denunciato 34enne

di Redazione