Indietro
menu
verso il voto

Ex Reggiana centro velico. Caldari: sarà la prima oasi sportiva sulla spiaggia

In foto: La ex colonia Reggiana
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 4 mag 2022 14:20 ~ ultimo agg. 14:22
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Lo sport fattore di crescita fondamentale per la città. Il candidato civico del centro destra Stefano Caldari interviene su una delle leve importanti per Riccione, anche in chiave turistica e assicura che il suo impegno sarà per garantire sempre più eventi e strutture sportive. Tra gli obiettivi rendere l’ex colonia Reggiana punto di riferimento per gli sport acquatici.

Il fatto che la Federazione italiana vela abbia scelto Riccione l’ex colonia Reggiana come base per un centro velico all’avanguardia è la dimostrazione del grande lavoro fatto in questi anni –  scrive –. Si tratta solo dell’inizio di un percorso, però. Lo sport è una straordinaria leva di crescita per i nostri giovani e di aggregazione sana e positiva per adulti e anziani. Non solo dal punto di vista della salute fisica, ma anche dell’integrazione sociale e della condivisione. Per questo dobbiamo proseguire con ancora maggiore impegno, se possibile, sulla strada intrapresa”.

Il progetto di riqualificazione della ex colonia Reggiana, che risale al 1934, è uno dei più rilevanti per il futuro dello sport di Riccione, sarà infatti la prima grande oasi sportiva direttamente sulla spiaggia, dedicata agli sport nautici ed acquatici, nella loro declinazione in mare: vela, surf, sub, kite surf, stand up paddle (Sup), Kayaking, sci d’acqua, diving, snorkeling, flyboard.  Proprio il progetto ha interessato la Federazione italiana vela nazionale che ne farà una delle principali sedi in Italia con un’importante ricaduta sul settore turistico specializzato. “Un progetto di grandissima rilevanza per tutto il territorio che riporta la città di Riccione alla sua vocazione per gli sport acquatici e in particolare per la vela, della quale è stata in passato un punto di riferimento internazionale” – aggiunge Caldari.

Oltre ai servizi per i vari sport ci sarà spazio per ristorazione, caffetteria, piccola ricettività ed attrezzatura compatibile con la balneazione. Attenzione anche alla fruizione da parte delle persone con disabilità e alla salvaguardia dell’ambiente naturale con ampi spazi verdi a ridosso delle dune.

Secondo i dati di un recente studio dell’Università di Bologna, nel 2021 con 8 mesi di manifestazioni sportive organizzate a Riccione con il patrocinio del comune e la collaborazione di Promohotels e gli hotel del Consorzio Riccione Sport l’indotto ha superato i 30 milioni di euro, 12 milioni solo sul comparto alberghiero.