Indietro
lunedì 16 maggio 2022
menu
Basket Femminile B

Volto nuovo in casa Ren-Auto Happy Basket: ecco Beatrice Benicchi

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
ven 11 mar 2022 17:10
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ai più attenti non sarà sfuggito nel roster della Ren-Auto che ha affrontato Valdarda nell’ultima giornata di campionato una novità: Beatrice Benicchi, canotta numero 26.

Tesserata pochi giorni prima del match e portata in panchina da coach Rossi per risparmiare le U17, impegnate il giorno dopo in una partita importantissima con Ravenna, Beatrice non ha avuto la possibilità di scendere in campo, ma è comunque diventata ufficialmente parte della squadra con cui si allena da un paio di mesi.

Nata a Lucca il 21 aprile del 1995, Beatrice ha cominciato a giocare a 10 anni con i maschi nel centro minibasket di Lucca per poi spostarsi a Le Mura, prestigiosa società Campione d’Italia femminile nella stagione 2016/2017.
«La passione per il basket è nata con le Olimpiadi del 2004, quelle in cui l’Italia maschile raggiunse la finale con l’Argentina e conquistò la medaglia d’argento. Nonostante questo e nonostante fossi molto sportiva, ai tempi non praticavo alcuna attività agonistica. Un giorno la madre della mia migliore amica ci propose di fare una prova con una squadra di pallavolo, ma per errore ci portò ad una allenamento di basket! Trovai che fosse un segno del destino, visto che da spettatrice era uno sport che mi piaceva molto».

Evidentemente ha funzionato. «Sì ed è nato un grande amore: di lì a poco sono passata al settore giovanile de Le Mura e per tre anni ho giocato in Serie B con Le Mura Spring e come aggregata under in prima squadra. Nella stagione 2014/2015 ho fatto parte stabilmente del roster della A1. È stata un’esperienza formativa, ma anche molto impegnativa, perché mi allenavo due volte al giorno e intanto studiavo alla facoltà di filosofia a Pisa, il posto più vicino e comodo per far convivere le due cose».

Poi cosa è successo?
«Dopo il primo anno di A1 ho smesso di punto in bianco, senza alcuna gradualità. L’impegno e la pressione erano troppi e ho cominciato a maturare la sensazione di stare sacrificando tutto il resto. Mi sono trasferita a Milano a studiare comunicazione alla Iulm, mi sono laureata, poi ho seguito il master “Arti del racconto: letteratura cinema e televisione”».

Qual era il suo obiettivo?
«Fin da piccola ho sempre pensato che avrei fatto la scrittrice o la regista, ma il basket non mi lasciava tempo. Dopo il master un professore mi ha aiutato a metter a fuoco i miei interessi e a individuare le strade possibili, così ho cominciato a fare stage in abito editoriale in Bompiani e Giunti e ad occuparmi, successivamente, di storytelling e comunicazione. E non ho più toccato il pallone da basket fino ad oggi, se si esclude un tentativo di formare una squadra mista alla Iulm, durato una decina di incontri tra allenamenti e partite».

E come è arrivata a Rimini?
«Il mio ragazzo è di qui e quando l’avvento del covid ha imposto limitazioni agli spostamenti abbiamo pensato fosse più conveniente che mi trasferissi in riviera».

E piano piano è riaffiorato il suo amore per il basket…
«Il primo motivo per ricominciare è stato di natura quasi professionale: volevo realizzare realizzare un documentario su storie come la mia. Lo sport femminile rimane troppo nascosto e andrebbe raccontato di più: dinamiche, impegni, sacrificio. E tutto questo per un passione che difficilmente paga: non metti da parte nulla, giri di città in città e non hai radici. E poi ci sono le aspettative e la pressione: può diventare una gabbia dei leoni che destabilizza una persona che sta crescendo. Il documentario per ora non l’ho realizzato, ma ho ricominciato a giocare».

Per ricominciare però serviva una squadra…
«Il mio ragazzo si è reso conto che qualcosa in me stava cambiando, che ero pronta a riprendere la palla in mano: ha contattato Gianluca Sansone che mi ha fatto conoscere coach Rossi. Filippo mi ha raccontato di Happy Basket e mi ha spiegato il progetto. Ho fatto due settimane di allenamenti individuali, poi un sabato ho comprato le scarpe e il lunedì ho cominciato».

Con uno spirito nuovo.
«Sì, mi sto dando una seconda possibilità con la leggerezza della bambina che guardava la Nazionale nel 2004 e con la curiosità e lo voglia di vedere a che punto sono e dove posso arrivare, senza pressione e senza paura di non fare abbastanza. Il basket è un gioco divertente che mi fa sentire viva: le ragazze sono super carine e Filippo ha capito la mia storia ed è paziente. Naturalmente ho ricominciato piano, mi sono comunque infortunata subito e tremo per lo strappetto… ma se resterò vorrei diventare una su cui contare. Non so dire il livello che raggiungerò, per ora mi basta tornare a casa contenta dopo gli allenamenti».

Quali sensazioni ha provato tornando in palestra dopo tutto questo tempo?
«La prima cosa strana è stata l’odore della palestra: è una cosa che si dimentica e invece ti appartiene. Al primo allenamento ero in grande anticipo, ho fatto solo qualche esercizio, ma era una dinamica che conoscevo. E anche con le ragazze è stato come dire “non vi conosco, ma vi conosco già”, perché la palestra è l’ambiente in cui sono cresciuta e mi è rimasto dentro. Quello che ho dimenticato sono la memoria dei movimenti, la coordinazione, le spaziature, la distanza. Ma sto recuperando velocemente: sento che la pallacanestro sta tornando. Il fisico per ora non mi segue, ma sta tornando anche quello ed è una grande soddisfazione».

E il suo rapporto con lo staff?
«Lo staff mi dà un sacco di energia positiva. A Lucca avevo allenatori fantastici, ma ero abituata ad un regime militare, molto rigido, nessuno sgarro: mi ha permesso di acquisire una forma mentis di cui oggi vado fiera, ma è stato un percorso tosto. All’Happy Basket ci sono persone estremamente competenti, che sono anche umanamente presenti, preparate ad essere comprensive. Qui c’è molta attenzione alla persona, probabilmente sono cambiate le cose, io avevo cancellato tutto».

Dopo due mesi di allenamento qual è la sua valutazione sulla Beatrice cestista?
«Mi sento come un animale che è appena uscito da un letargo di sette anni ed è pronto a ripartire anche se fa ancora un po’ freschino. Sto reimparando ma più velocemente di quando si comincia da zero, ho voglia di essere convocata e di giocare. Mi farebbe piacere dare una mano alla squadra, mi ricordo di quello che sapevo fare ed è bello vedere che posso recuperarlo».

Massimiliano Manduchi
Ufficio Stampa Rimini Happy Basket