Indietro
mercoledì 25 maggio 2022
menu
In Germania

Il riminese Thomas Grasso medaglia di bronzo in Coppa del Mondo

In foto: Thomas Grasso sul podio
di Roberto Bonfantini   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 26 feb 2022 23:45 ~ ultimo agg. 27 feb 16:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Thomas Grasso entra nella storia. Il ginnasta riminese, che si allena alla Polisportiva Celle, è salito sul terzo gradino del podio al corpo libero nella tappa inaugurale del circuito FIG di Coppa del Mondo di Artistica, a Cottbus, in Germania.

Quarto in qualifica, l’azzurro è salito per ultimo sulla pedana centrale della Lausitz Arena e con il personale di 13.700 ha centrato il bronzo in una gara vinta dal bielorusso Yahor Sharamkou (13.933) e che ha visto chiudere al secondo posto il croato Aurel Benovic (13.766).

“Ho perso un decimo per un’uscita di pedana all’arrivo della seconda diagonale acrobatica – ha commentato il ventunenne riminese, seguito da Pietro Di Pumpo, a Federginnastica.it –, ma mi brucia di più l’errore sulla verticale d’impostazione. Ho abbassato le gambe e senza quei tre decimi di penalità avrei vinto la gara. Sono comunque molto contento per questa medaglia, la prima in campo internazionale. Avevo gareggiato in Coppa a Varna, lo scorso anno, ma non stavo bene e non sono riuscito ad esprimermi come avrei voluto. Inserito nel secondo gruppo non ho seguito i punteggi degli altri, perché ero nel warm up a scaldarmi, quindi sono entrato sereno, pensando soltanto a fare il mio”.

Domenica per il ginnasta riminese la final eight al volteggio, l’attrezzo nel quale si era piazzato quarto ai mondiali di Kitakyūshū 2021. “Speriamo che quella di oggi sia la prima medaglia di una lunga serie. Per ora dedico il bronzo alla mia società, la Polisportiva Celle. Sui 25 metri, in qualifica, ho fatto forse i peggiori salti della mia carriera, quindi ci sono margini di miglioramento anche là. Proverò le stesse esecuzioni (rondata flic con tre avvitamenti e il Kasamatsu due e mezzo, ndr), non è il caso di rischiare qualcosa di nuovo e non ancora stabile”.