Indietro
menu
l'annuncio di Croatti

Caso targhe RSM. Dopo il caos arriva l'emendamento del Governo

In foto: la dogana di ingresso a San Marino
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 11 gen 2022 13:31
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Finalmente il Governo è riuscito a risolvere il ‘caso targhe’ con un emendamento alla Legge del decreto sicurezza e che fa tirare un sospiro di sollievo a chi guida auto targate San Marino. A distanza di due anni dall’introduzione del Decreto che ha generato una situazione di grande difficoltà per tanti frontalieri lavoratori in Repubblica e residenti a San Marino, ma anche a cittadini Sammarinesi con parenti stretti residenti in Italia, arriva la soluzione con l’emendamento “Disposizioni per l’adempimento degli obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia all’Ue”.

Ad annunciarlo il senatore del Movimento5Stelle Marco Croatti. Il comma inserito riporta quanto segue: “Le disposizioni di cui al comma 2 non si applicano ai conducenti residenti in Italia da oltre sessanta giorni che si trovano alla guida di veicoli immatricolati nella Repubblica di San Marino e nella disponibilità di imprese aventi sede nel territorio sammarinese, con le quali sono legati da un rapporto di lavoro subordinato o di collaborazione continuativa”.

Sono soddisfatto – afferma Croatti – di questo intervento normativo, per il quale avevo presentato un atto in senato poi superato dall’intervento del Governo, frutto del positivo confronto tra il ministero degli interni e le istituzioni sammarinesi che sana la questione. Importante per me la collaborazione con il Presidente del Comites Diego Renzi, per la questione tecnica e informativa sulle particolari casistiche che il Decreto aveva creato nel caso particolare della Repubblica Sanmarinese, enclave italiano

]