Indietro
giovedì 27 gennaio 2022
menu
giovedì 4 novembre

Al teatro degli Atti Tabù dei riminesi Quotidianacom

In foto: un frame dello spettacolo
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 3 nov 2021 11:30
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La stagione di prosa di Rimini prosegue nel suo percorso dedicato al contemporaneo con la compagnia riminese quotidianacom, formata da Paola Vannoni e Roberto Scappin, che approda al Teatro degli Atti giovedì 4 novembre alle 21 con lo spettacolo “Tabù. Ho fatto colazione con il latte alle ginocchia”.

L’allestimento, presentato in anteprima nella short version a Santarcangelo Festival 2020, ha debuttato in versione integrale a Kilowatt Festival 2020 riscuotendo il consenso di critica e pubblico.

La presentazione:

In Tabù ci si confronta con il proibito, con i divieti che la trasgressione fatica a demolire, radicati come sono nel nostro Dna, non per scelta ma per costituzione.

Il progetto nasce dalla ricezione di una mail che rientra nella metodica nota come “estorsione sessuale”. Da qui l’idea di trattare il tema dei divieti partendo dalla sfera sessuale per attraversare e disvelare, attraverso una condivisione pubblica, le inibizioni a cui ci si sottomette nel privato e nel sociale, spesso preferendo differire, o tacere.

Fra i due il busto di Aristotele funge da baricentro di una bilancia dell’argomentare e dello spiazzamento che procede per accumulo, preferisce la figura della spirale a quella della linea.
All’argomentazione i due autori/attori preferiscono la battuta fulminea, il rovesciamento di senso che ridà la carica a un dialogo in cui le pause hanno la postura statuaria dei corpi dei due interpreti.

«Quanto i divieti hanno condizionato e condizionano la nostra esistenza? – si domanda la compagnia. – È il momento dei fatidici bilanci. Della nostra e forse di altre tragicomiche esistenze.
Uno scavo che apre alla possibilità di una conoscenza intima che abbatte infeconde resistenze, favorito da una propensione engagé che argina il faceto, il non necessario».

 

Altre notizie