Indietro
menu
Uno tradito dalla maglia

Rapine in estate a Riccione. I Carabinieri individuano due responsabili

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 8 ott 2021 11:02 ~ ultimo agg. 13:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Portano i loro risultati le indagini dei Carabinieri sulle rapine avvenute in estate a Riccione, spesso ad opera di minori.

All’alba di giovedì, i Carabinieri della Sezione Radiomobile si sono presentati a Cuggiono, in provincia di Milano, ed hanno bussato alla porta di un diciassettenne di origine egiziana per notificargli un provvedimento cautelare personale emesso dal Tribunale dei Minorenni di Bologna. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, il diciassettenne, in vacanza a Riccione nel mese di agosto, insieme ad altro soggetto maggiorenne – anch’egli identificato e deferito all’Autorità Giudiziaria ordinaria – si era reso responsabile dello strappo di una catenina d’oro ai danni di un turista urbinate 27enne. Nell’occasione, inoltre, la vittima era stata aggredita riportando lesioni personali per 20 giorni di prognosi.

Con il solito copione, i due malviventi avevano avvicinato il turista ed un amico in sua compagnia con la scusa di chiedere una sigaretta per poi passare all’offerta fittizia di stupefacente fino a giungere allo strappo della collana. Le indagini, subito avviate, hanno consentito ai Carabinieri di acquisire ogni elemento utile all’identificazione dei due aggressori poi riconosciuti dalle vittime grazie ad una ricognizione fotografica effettuata sulla base delle immagini realizzate proprio dai militari nel corso dei quotidiani controlli preventivi sul territorio. Il minore, che dovrà quindi rispondere dei reati di rapina aggravata in concorso e lesioni personali, al termine delle formalità di rito è stato collocato in una comunità su disposizione del magistrato.

Sempre i carabinieri della Stazione di Riccione presso la casa circondariale di Bologna hanno notificato un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un egiziano classe ’99, anch’egli responsabile di una rapina commessa il 27 agosto scorso a Riccione.

Il ventiduenne, già gravato da numerosi precedenti, era stato più volte fermato nel corso dell’estate poiché riconosciuto in più occasione come responsabile o corresponsabile di aggressioni o rapine, ma gli elementi acquisiti ogni volta sul suo conto hanno consentito ai militari di procedere nei suoi confronti solo con denunce a piede libero. Questa volta, invece, stilato un elenco dei numerosi precedenti, il Tribunale di Rimini ha emesso nei suoi confronti un provvedimento cautelare per la rapina del telefono cellulare ai danni un altro giovane turista del milanese, nell’occasione minacciato e malmenato.

Ad incastrare l’egiziano, oltre alla dettaglia descrizione somatica – che ha subito indirizzato i carabinieri sul volto a loro noto – è stato un particolare ricorrente: forse spinto da uno spavaldo senso di impunità, il ragazzo ha continuato a girare per le vie del centro di Riccione con la maglia di una nota squadra di calcio italiana, con tanto di nome di un giocatore apposto sulle spalle. Così, mentre continua il lavoro degli investigatori al fine di accertare la sua responsabilità per ulteriori fatti avvenuti nell’arco del mese di agosto, l’ultimo provvedimento di custodia cautelare in carcere va a sommarsi alla misura già in corso di esecuzione presso il carcere di Bologna, dove è stato collocato dopo un arresto per furto.

Notizie correlate
Nessuna notizia correlata.