Indietro
menu
"Metodo sbagliato"

Rione Clodio. Ceccarelli (centrodestra): esempio di come non si governa una città

In foto: un ingorgo nel Rione Clodio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 17 set 2021 15:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il candidato sindaco del centrodestra a Rimini, Enzo Ceccarelli, prendendo spunto dall’ennesimo disagio alla viabilità nel Rione Clodio (vedi notizia), con una bisarca ha mandato il traffico nel caos a pochi metri dal ponte di Tiberio, torna ad attaccare l’amministrazione. “La gestione della vicenda “chiusure del ponte di Tiberio / deviazione del traffico su via Ducale” è la perfetta esemplificazione di come NON si governa una città – scrive –. L’amministrazione Gnassi/Lisi/Sadegholvaad ha preso una decisione, spacciandola per “sperimentale” che dura ormai da anni, senza studiare il problema, senza trovare le alternative, senza esaminare le conseguenze e senza consultare i cittadini. I risultati sono questi“. Il candidato spiega poi la sua visione. “Quello che noi vogliamo cambiare – dice – è proprio questo metodo fatto di decisioni prese per capriccio, senza un’esame profondo dei problemi e delle conseguenze, senza nessun rapporto con i cittadini. Quello che posso promettere è che le nostre decisioni arriveranno dopo un’attenta valutazione del tema, con l’analisi di tutte le alternative e di tutte le possibili conseguenze, in un rapporto aperto e franco con i cittadini”. Il discorso si allarga poi ad altre aree della città. “E’ successo così – attacca Ceccarelli – per i pezzi di lungomare di Viserba, Miramare e Marina Centro, è successo così per il rifacimento della piazza e la creazione del Fellini Museum, è successo così per il Castello, è successo così per gran parte delle decisioni di questa amministrazione.”

Notizie correlate